PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La fine era l'inizio

31 Dicembre 19... Un giorno come tanti, la casa da sistemare, l'abito da scegliere per la festa della sera. Già il cenone di S. Silvestro. Caterina non voleva andare, aveva bisogno di riposo dopo le fatiche degli ultimi giorni in ufficio. Si sentiva un rottame e non voleva festeggiare alcunché, perchè non pensava di avere nulla di cui essere contenta, a parte il lavoro che le permetteva una casetta dignitosa alla periferia di Torino. Non si piaceva, Caterina, e pensava di non poter piacere a nessuno. E poi cosa aspettarsi da una stupida festa a casa di gente che neppure conosceva. Laura, però, aveva tanto insistito che non aveva potuto dir di no. Si immaginava già le facce lugubri di invitati insignificanti, di sicuro coppie annoiate pronte a scambiarsi il timido bacio della mezzanotte ed un minuto. E lei? Lei, come al solito, non aveva grandi aspettative. Aveva la sua casa, il suo lavoro, ma da tempo non cercava più l'amore "che fa battere il cuore", l'amore della vita. Quante volte l'aveva desiderato e quanti anni erano passati senza alcun battito da ricordare. Solo baci fugaci, storie senza seguito, bruciate nel camino della vita. Invece quell'anno di tanti anni fa andò diversamente. Laura passò a prenderla ed andarono alla cena di Alberto. C'erano le solite coppie annoiate, c'erano ragazzi scanzonati che suonavano canzoni incomprensibili. La sala era piena e la gente sembrava divertirsi. Caterina, a differenza dell'amica, non aveva aspettative. Oggi Caterina non sa ancora se Alberto le si avvicinò per caso, per mera cortesia, o, se invece, lo fece perché era rimasto davvero colpito dalla sua persona, dopo che con lei aveva scambiato poche, simpatiche, battute. Fatto sta che la ragazza senza aspettative, che nulla aveva mai lasciato al caso, si ritrovò a dare un bacio a quel ragazzo. A distanza di anni, Caterina si domanda ancora come fece a baciarlo subito, lei che dava confidenza alle persone solo dopo averle conosciute bene. Quella volta, però, tirò fuori la sua vena più impulsiva e si lasciò trasportare dal momento. Un bacio bellissimo, il più bello di tutta la sua vita fu quello che Caterina diede ad Alberto. Poche parole si scambiarono, ma tante furono quelle che si dissero e si scrissero nei giorni, nei mesi e negli anni che seguirono. La fine di quel 19... fu l'inizio dell'Amore di Caterina e di Alberto. Un amore degno di essere raccontato, perchè nel cuore della ragazza senza aspettative quell'Amore dura ancora ed il ricordo di quel bacio bellissimo addolcisce le sue giornate. Da quel capodanno la vita di Caterina cambiò e così il suo modo di pensare: iniziò a credere di più in se stessa, ad amare davvero e, soprattutto, a lasciarsi guidare dal suo cuore. Quel cuore che oggi batte sempre per Alberto.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Samuele Pastorino il 16/04/2010 01:47
    Bello, molto bello! Complimenti! Ciao!!!
  • Stefano Galbiati il 14/04/2010 20:30
    racconto molto carino, complimenti!!!! Riprende alla perfezione il detto "le cose più belle accadono quando meno te lo aspetti".
    Ciao!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0