PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sentenza di morte

L'ultimo elettro fu applicato sulla fronte, e Luis lo sentì freddo e viscoso. Sapeva che la sua vita non era valsa un granché, però, a quarant'anni, finire sulla sedia elettrica... tuttavia era vero che aveva ammazzato un giudice...
Ora sarebbe bruciato vivo; una cosa "veloce" gli avevano detto. Ma non era così.
Sentì l'offesa rinascere viva e amara; loro, lo avevano dichiarato colpevole... Nel suo animo Luis si sentiva senza colpa.
L'elettrodo cominciò a scaldarsi e irruppe come uno stiletto arrugginito nel cranio; Luis tirò con tutte le forze ma i suoi polsi erano legati ai braccioli della sedia. Piegò ad arco il petto e il suo cuore incominciò a cedere, triste, ingiuriandolo e umiliandolo di nuovo... in quello straziante istante, Luis desiderò la parolina - veloce - la sua sola più bella speranza.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0