PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Addio

Ciao amore mio, ciao a colei che è e resta il mio sogno proibito. Purtroppo sei nata in un mondo virtuale e li sei stata relegata dalla persona che ti ha creata e che adesso non vuole più farti vivere. Come vedi insieme alla lettera ti ho portato un dono formato da più oggetti che come sempre ha un significato ben preciso. Quattro rose di colore diverso: una rosa rossa per l'amore che provo per te, una blu per la passione che ci ha unito, una gialla che rappresenta la gelosia provata e una bianca che rappresenta la purezza del mio sentimento. Questa volta però i fiori non sono freschi volutamente, ma finti perché essi rappresentano il mondo virtuale in cui adesso questo sentimento è stato chiuso. Questo perché l'amore da me provato per te non si è potuto concretizzare in qualcosa di più, non è stato possibile gridarlo al mondo esterno, non è stato possibile trasportarlo nel mondo reale. I fiori sono poggiati nel cesto di una mongolfiera che rappresenta una cosa a te molto cara: la tua libertà. Niente di meglio per rappresentare la libertà con una mongolfiera. Infatti essa senza essere legata a motori si libra nell'aria con il calore racchiuso nel pallone, affidandosi al vento benevolo che la trasporta dolcemente. La bambola è inutile dirtelo, ti rappresenta in tutta la tua bellezza, in tutta la tua straordinaria forza d'animo che ti sostiene da sempre. Allora se me lo permetti affiderò questa simbologia al buon Dio al quale rivolgerò ogni tanto una preghiera, quella che la mongolfiera ti porti dove il tuo cuore desideri, tenuta in aria dal calore della fiamma che hai fatto ardere in me, guidata da venti benevoli che ti portino dolcemente alla meta, senza scossoni e senza tempeste, senza farti pesare le sofferenze in cui immancabilmente ogni tanto sei costretta a vivere, come tutti del resto. Io seguirò il cammino che ormai ho intrapreso, sperando anche io di giungere alla meta, magari in bicicletta, con l'ausilio della sola forza delle mie gambe, cosa che ho sempre fatto, tirandomi dietro tutta una folla di persone che da me hanno sempre e soltanto avuto senza mai darmi neppure la millesima parte di quello che tu in così poco tempo mi hai dato. Cosa mi resta adesso se non ringraziarti dal profondo del cuore, da quel posto in cui io ti conserverò finché la morte non mi staccherà da questo mondo che se pure per pochi attimi, mi ha reso uno degli uomini più felici del mondo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • bruna lanza il 15/04/2012 14:01
    Bella questa lettera di addio a un amore, mi pare di capire, mai sbocciato
  • Anonimo il 21/04/2010 22:27
    Mi sono risvegliata... Viva... con la forza dell'amore... Principessa love, raccoglie le tue rose, lo so che ti piacciono, però ora sono mie e ti ringrazio tanto, ma proprio tanto io... Al posto della tua lei, per come le sei stato vicino e l'hai fatta sentire bene, ma proprio bene ogni giorno... Senza di te non sarà la stessa cosa ed anche se era un amore virtuale, le mancherai tanto ne sono sicura... Con gli addii, il sentimento quando è vero non finisce... Ma cresce e cresce... Lei ti amerà sempre e sempre di più...
  • clem ros il 21/04/2010 13:14
    e facciamocela una risata...è vero che parliamo di cose che che ci hanno reso tristi... ma la vita continua e ci vuole anche una bella... anzi tante belle risate.
  • maria caputo il 21/04/2010 13:05
    AH AH AH AH AH AH... Posso ridere pure io??? Me lo permetti??? Grazie...
  • clem ros il 21/04/2010 13:03
    Solo che questo è durato 10 anni e non 80 giorni... ahahhahhhahha.
  • maria caputo il 21/04/2010 13:01
    Già... Sembra un film che ho già visto...
  • clem ros il 21/04/2010 12:55
    Aggiungo che essendo il mondo una sfera, le mongolfiere prima o poi itornano nello stesso punto... quindi hai perfettamente ragione quando dici che non è un addio.
  • clem ros il 21/04/2010 12:53
    Ne sono convinto Maria, infatti come detto prima, dopo 10 anni ci siamo ritrovati. Lo spirito è diverso, i tempi sono diversi, i tempi sono diversi...
    L'ho conosciuta in un momento di crisi del mio matrimonio, me ne innamorai follemente ed ancora oggi ho molto trasporto verso di lei. Ma posso solo sognarla e relegarla nel mio cuore finchè morte non mi separi da lei.
  • maria caputo il 21/04/2010 12:35
    Bellissime e dolcissime parole... Non sembrano un addio... E comunque gli addii è meglio dirli guardando la persona negli occhi, nè scrivendo e nè a telefono, altrimenti sembra sempre un arrivederci...
  • clem ros il 21/04/2010 08:36
    Grazie per il "giovane", sono passati 10 anni, oggi ne ho 50. Sarebbero molte le considerazioni da fare, dovrei far uscire tutte le mie sensazioni, dimenticare di avere legami da oltre 20 anni... troppe cose di cui abbiamo avuto paura.
    Oggi l'ho ritrovata, nulla è cambiato, solo che ancora una olta deve restare solo e sltanto dentro di me, non potevo allora, oggi ancora meno.
  • Marhiel Mellis il 20/04/2010 17:38
    È una lettera molto dolce, pacata nel suo addio... un amore difficile ma che ha dato luogo a sogni... Se è stato corrisposto non è detto che il destino possa intervenire in qualche modo... chissà. Sei giovane suppongo quindi nulla è perduto nel sperare pur affrontando separati la vita davanti.
    Complimenti per la dolcezza della lettera che anche se avesse origine di fantasia rispecchia moltissime situazioni del genere.