PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il grande sogno

"Come ti chiami?"
"Tramonto. Tu?"
"Alba. Che ci fai da queste parti?"
"Ti aspettavo"

Pioggia e un vecchio ma non troppo pezzo da teenager dei Roxette.
L'ombra del giorno echeggia in tutti i corridoi e il calendario accademico avverte dell'imminente sessione di esami che va aprendosi. A nessuno non gliene frega niente, è solo tempo di dare una svolta, far vedere che finalmente... niente.
All'ingresso della facoltà li vedo. Ho voglia di ucciderli.
"Ciao! Chi sei tu?"
"Io sono Oggi, tu?"
"Io sono Domani"
"Sei un po' in anticipo tesoro"
"Ah sì?"
"Sì, di almeno 5 ore"
"Ah... e ora?"
"Beh... andiamo a farci un aperitivo?"
"Sì!"
Che nervi... ogni giorno la solita scena, maledizione. Ma non posso che rassegnarmi. Arriva Joe.
"Cosa guardi?"
"Quei due"
"Lascia perdere, non puoi ogni volta farti il sangue amaro, e dai! Su che i ragazzi ci aspettano"
"Andiamo"
Nel cortile le pozzanghere sono piene di fango e puntualmente arriva quella deficiente che ci passa sopra con la bicicletta, sporcando i bordi del marciapiede.
Io la odio.
"Ehi ragazzi!!! Ascoltatemi!!! Io sono la nostalgia e sono pronta ad appannarvi la mente con supposte di ricordi non vostri!!! Chi ne vuole un po'?!?!"
Tutti da lei, maledetta, tutti pronti a mettersi a novanta e farsi infilare nel posteriore quei maledetti composti. Io odio la roba chimica, figuriamoci quel surrogato di roba naturale.
Torno finalmente a casa e appena entro mia madre mi accoglie con un
"Come è andata oggi tesoro?"
"Come al solito mamma"
"Hai sentito la notizia? Ne parlano tutti i telegiornali"
"Quale notizia?"
"Accendi la tv e senti, qualsiasi canale va bene"
La accendo e ed ecco subito il primo telegiornale del piffero che con la sua edizione straordinaria mi avverte che è stata proclamata la santificazione dell'indifferenza e la beatificazione dell'apatia e dell'ideologia. Ma ancora prima che vadano i sevizi in onda spengo questo maledetto affare.
"Ma che fai?"
"Esco"

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Guido Ingenito il 03/07/2010 04:30
    grazie mille Karl, davvero molto gentile (oltrerchè sincero )
    buonanotte
    Guido
  • Anonimo il 02/07/2010 13:39
    originalità suggestioni immagini che lasciano il segno sempre molto bravo e avanti nelle idee e nella loro stesura
  • Guido Ingenito il 18/05/2010 14:30
    grazie mille Sara! scusa il ritardo per il dovuto ringraziamento. Appena ho tempo mi leggo qualcosa di tuo

    Guido
  • sara zucchetti il 28/04/2010 22:54
    bel racconto originale
  • Guido Ingenito il 27/04/2010 15:08
    grazie davvero! fammi sapere, se hai voglia, se ti piacciono!
  • Anonimo il 27/04/2010 14:23
    Ehi Guido, sei bravo, con una tua personalità soprattutto.
    Vado a leggere gli altri!
  • Ettorina Gerbelli il 23/04/2010 18:40
    Sai, rileggendolo attentamente è armonioso. Come una melodia.
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/04/2010 18:30
    Per un ventiquattrenne gli inizi mi sembrano buoni. Da ammirare il dinamismo della narrazione per niente assoggettata alla retorica. Gradevolissimo e fine l'argomento, una scelta raffinata.
  • Paola B. R. il 22/04/2010 19:27
    Dopo tanto pessimismo, un po' di sano ottimismo!
    Non male
  • Guido Ingenito il 22/04/2010 16:45
    grazie del commento! questa è la prima che pubblico! non vedo l'ora di postarne altre per avere altri pareri! grazie ancora!
  • Ettorina Gerbelli il 22/04/2010 16:39
    Il tuo racconto mi ha confuso un po le idee. Rileggendolo però ho scoperto che non è male, alba, tramonto- oggi domani...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0