accedi   |   crea nuovo account

è vero

Tutto comincia con un tocco delle mani, del brivido che percorre la persona dopo aver toccato l'altro o l'altra. Si passeggia mano nella mano, si accarezza il viso con la mano, si passano le mani nei capelli della persona che ami.
Sensazioni, che non hanno uguali, vengono trasmesse alla mente dal solo tocco di questo strumento che Dio ci ha donato, le mani. Possono diventare armi terribili, con e mani si può ferire una persona, ma anche le parole sono altrettanto devastanti. Un ti Amo seguito da una carezza, anche se tutto si svolge ad occhi chiusi, ha un qualcosa di magico, forte, devastante allo stesso tempo. Il cuore ti va a mille, ti salta in gola animato da emozioni che solo un bacio ti può dare. Adoro guardare la tua foto, lo sai, ed la punizione che mi sono cercato per il solo peccato di amare un altra. La punizione di non poterti dire quanto il sapere che ci sei mi riempie di gioia. Tu dici che devi sparire perchè non vuoi farmi soffrire, ma io soffro di più a non sapere dove sei, che nel sentirti ogni tanto, nel parlare con te, anche se da lontano. Poi quelle rare volte che ci incontriamo, il sentire di nuovo il tuo odore, baciare le tue guance da semplice amico, toccare il tuo viso per rubare un po' del tuo profumo e tenerlo finché il tempo non lo cancella è la sofferenza più grande, ma è anche la mia punizione più grande. È inutile che non ti fai sentire, è inutile che sparisci per un po' di tempo, io ormai lo so, morirò con il tuo nome sulle labbra. Il bello è che sono convinto di morire per primo e per giunta quando sarò dall'altra parte mi toccherà litigare con qualcuno che sono sicuro ti abbia amata moltissimo, per venirti in sogno... devo essere impazzito. Anzi no, i pazzi, come spesso ti ripeto, non sanno di esserlo, per cui sono folle, e tu la mia lucida follia.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • bruna lanza il 04/06/2012 18:10
    Clem spero che un giorno tu possa fermare i tuoi pensieri perchè divenuti realtà, piaciuta
  • clem ros il 27/04/2010 14:04
    dovrei agurarmi il male di qualcuno. Sono convinto che l'inferno è su questa terra, le nostre soffernze servono a espiare i piccoli peccati che commettiamo.
  • maria caputo il 27/04/2010 12:57
    Sai non me lo ricordo il programma, MA NON È MAI TROPPO TARDI e tu non perdere mai la speranza...
  • clem ros il 27/04/2010 12:18
    Esisteva una volta un programma televisivo che si chiamava "non è mai troppo tardi", che insegnava agli analfabeti a scrivere. La mia musa non mi dirà mai si, troppe implicazioni. Allo stesso tempo se smettessi di soffrire, come riuscirei a partorire parole simili per lei?
    Anche se so che è già troppo tardi, preferisco soffrire che non aver nulla da scrivere.
  • maria caputo il 27/04/2010 12:04
    Parole bellissime, per esprimere tutte le tue emozioni, che non passano inosservate, stai sicuro Clem, la tua musa è molto fortunata, e un giorno sicuramente leggerà, si riconoscerà... Spero solo che per te che non sia troppo tardi...