PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La carriola di Dan

Poteva passare giornate intere a spingere una veccia carriola arrugginita attraverso il cortile e i campi, già si credeva al volante del grande trattore del padre, trasportava qualsiasi materiale e cosa: galline e porcellini, teneva saldamente le due stanghe della carretta e spingeva, correva e saltava. La ruota della carriola superava fossati e grosse zolle di terra infangata. Le sue sottili braccia erano gonfie di muscoli; il suo gracile corpo era quello di un atleta e negli occhi gli brillava la luce del sole mai più risorto.
Dan si accese un'altra sigaretta e fissò il soffitto della sua piccola stanza. Erano passati trent'anni da quando aveva lasciato la campagna ed era venuto ad abitare nella città. La schiena gli faceva male e aveva dolori alle articolazioni, tutto quel lavoro, pensava. Le lancette della sveglia sul comodino segnavano la mezzanotte e mezzo.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Guido Ingenito il 07/05/2010 14:42
    Mi garbano i racconti ridotti all'osso e tu ne sei davvero in grado
  • Fuvell Altego il 01/05/2010 14:44
    Breve racconto, ma molto bello. La nostalgia, il ricordo vissuto ad anni di distanza. Il lavoro duro nella gioventù e forse la vita semplice risveglia emozioni semplici e genuine.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0