PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il LAMPIONE

Una sera, in una strada solitaria vicino a casa mia, ho osservato filari di lampioni...

Un vento di tramontana mi fa rabbrividire mentre mi assalgono i ricordi... M'agito all'idea struggente di non essere stato capace di cogliere messaggi dell'anima.
Guardo uno dei lampioni come fosse vivo e gli parlo:
"Sai che siamo fatti della stessa materia? Sembra impossibile, ma tu sei diventato così come sei ed io come mi vedi".
"Non riesco a collocarti nella giusta dimensione, sei pazzo o sei stupido?"
: "Nessuna delle due COSE. Tu non ci crederai, mai primi bagliori dell'universo servirono a formare in milioni di anni, le stelle poi le galassie ed infine i pianeti.
Una lenta, ma costante evoluzione in progressiva trasformazione dove masse immense informi di materia hanno vagato per secoli per poi agglomerarsi per effetto congiunto di massa e gravità.
I tuoi atomi sono anche i miei!
E'difficile credere che possa essere successo, ma è una verità incontestabile, un percorso tra l'incredibile e l'assurdo ".
"Penso che tu non abbia torto, ma non puoi paragonare l'evoluzione del tuo cammino con il mio. Io sono amorfo, senza vita, privo di qualsiasi tipo d'emozione, sentimenti, scopi
solo materia forgiata per una vostra necessità".

D'improvviso si spengono tutte le luci della città. Un attimo dopo, s'accendono con folle intermittenza per arrivare DI NUOVO al buio.
Riprendono nuovamente a splendere.

"Penso che ti sbagli.
Ognuno credo abbia un posto ben PRECISO nel dinamismo evolutivo.
Tutti abbiamo un compito da realizzare nello spazio e tempo.
Che senso avrebbe la nostra presenza, se non ci fosse un disegno prestabilito ".

" Tu chi sei? Saggio, filosofo o altro?
Mi dai quasi i brividi ".

"Non sono nessuna di queste figure; mi ritengo un mammifero provvisto di normale intelligenza che cerca risposte ai tanti interrogativi ".

"Sai che sei un bel tipo? Mi vuoi far credere ciò che è impossibile. Non dimenticare, sei stato generato dall'amore, hai amato e sei amato. La vicinanza con i tuoi simili crea condivisione che fa bene al cuore Non ti è negata la possibilità di scegliere. Tenti di percorrere le strade più disparate,
sei libero."
"Non so perché ti stia dicendo queste cose. Vedi sono uno che ama scrivere. Forse sono un po' matto e un po' visionario e ormai sono arrivato a parlare coi lampioni per scaricare le mie tensioni e pretendo che tu mi risponda anche.

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • nicoletta spina il 14/05/2010 23:17
    Forse è fantastico questo racconto, ma io vi trovo molta realtà.
    Parlare con un lampione quasi fosse il tuo alter ego, e scoprire tante verità.
    Il saggio lampione ha mandato un messaggio...
    rifetterci e capirlo è cosa di uomini.
    Grazie per questa piacevole lettura e complimenti per l'ottima stesura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0