accedi   |   crea nuovo account

Quarto piano

"Ho paura che di te ci si possa innamorare...".
Non avrebbe mai voluto sentire quelle parole quel giorno, proprio no, perchè lei non voleva che nessun'altro si innamorasse di lei all'infuori dell'uomo che l'aveva lasciata solo cinque mesi prima.

Da quel giorno, lei aveva versato mille lacrime e per mille volte ancora non aveva mai smesso di ricordargli cosa c'era stato fra di loro, dell'amore che provava per lui, di quanta paura avesse di perderlo.. e poi alla fine l'aveva perso ugualmente, lei stessa aveva soffocato l'amore della sua vita con la gelosia, con paure infondate, vomitandogli spesso addosso parole che - col senno di poi - non avrebbe mai voluto dire, ossessionandolo, non accorgendosi dei suoi reali bisogni.
In molti si chiesero cosa l'aveva spinta a tentare il suicidio poco dopo e nessuno sospettò mai niente, ma lei lo sapeva bene... la sua vita era diventata un gran casino, non riusciva più a gestire le sue emozioni, il suo cervello continuava a pensare alle stesse cose da mesi, si sentiva sprofondare sempre più giù e non aveva il coraggio di chiedere aiuto, perchè sperava che quell'amore le bastasse, ma non era così.
Non fu facile per lei rimettersi in piedi da quella caduta nel baratro della paura, ma ci provò con tutte le forze e nonostante i silenzi ostinati di lui, le parole a volte dolci che la facevano ancora sperare e a volte fredde per allontanarla sempre di più, decise in un modo o nell'altro di ricominciare.
Fu un lento risveglio alla vita, i giorni trascorrevano sempre con il pensiero dell'amore perduto. Non si erano mai più rivisti, la strada era sempre in salita, a volte lei sorrideva al nuovo giorno e a volte ritornava nel suo baratro nel quale ormai amava crogiolarsi.
Decise dunque che chiunque la desiderasse non avrebbe dovuto innamorarsi di lei, e quest'uomo sembrava non capirlo.

"Se mi vuoi dovrai pagarmi"... disse proprio così, non so come le venne in mente questa cosa, forse per gioco o forse per rabbia, ricordando quando una volta aveva trascorso due magnifici giorni lontano dal mondo intero, nella città del suo amore, e per scherzo appunto, lei si finse una prostituta passeggiando per una zona della sua città, in mezzo ad altre prostitute gelosissime e pronte a prenderla a sberle se non se ne fosse andata via veloce dalla loro zona.
E quanto avevano riso poi, perchè decisamente lei era forse troppo semplice, provocante ma semplice per "passeggiare" e aveva subito trovato dei clienti volendo!
Fortunatamente il "suo cliente del cuore" era subito pronto dietro l'angolo per caricarsela in macchina e portarsela lontano!

Sapeva dunque che quell'uomo avrebbe fatto di tutto pur di averla, "ma da dove salti fuori tu? Chi sei per farmi questo?". Così si accordò con il prezzo, decisamente alto, "tu non hai prezzo sei come un Caravaggio", si mise d'accordo per l'ora, il giorno e il posto dove si sarebbero incontrati.
Non c'era l'attesa come quando lei aspettava di incontrarsi con il suo amore, c'era solo voglia di sesso, sesso e basta e non le importava con chi, tanto più che avrebbe unito l'utile al dilettevole.

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 22/05/2010 19:14
    OPERA CURATA NELLO STILE E NELLA FORMA, BUONO, ANCHE SE TRISTE, IL CONTENUTO!
  • Anonimo il 13/05/2010 16:47
    Bravissima Luce! Storia ben costruita che lascia spazio al seguito in effetti, magari con un colpo di scena sensazionale! Alla prossima puntata allora!
  • Luce... il 09/05/2010 22:19
    Più che una storia più lunga ci sarà un seguito...
  • Carmelo Trianni il 08/05/2010 22:23
    Racconto ben scritto e tristemente bello.
    Non so se è una storia vera, ma la parte finale lascia un po' di amaro in bocca...
    Penso che sarebbe gradita anche una storia più lunga per conoscere meglio la protagonista.
    Saluti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0