accedi   |   crea nuovo account

Ridge e Maria

Nel tardo pomeriggio Ridge e Maria si incontravano di nascosto sotto un castagneto non lontano dal paese. Ridge era un ragazzo nero e Maria era una giovane bianca.
Quella sera Maria disse:
- Ah se solo tu fossi bianco Ridge.
- Lo so cara, se solo fossi bianco.
- Ah se solo io fossi nera, Ridge
- Lo so cara, se solo tu fossi nera.
Ridge baciò Maria.
- So cosa dobbiamo fare Ridge.
- Dimmi cara.
- Facciamo un figlio qui, adesso.
Ridge sorrise, e disse: - non dire sciocchezze.
- Ci sono cinquanta percento di possibilità che diventi nero Ridge.
- Il rischio è troppo alto.
- Che diventi bianco?
- Che diventi nero.
- Oh Ridge, se solo tu fossi bianco.
- Lo so cara, se solo fossi bianco.
- Ah se solo io fossi nera, Ridge
- Sì cara, se solo tu fossi nera.
Ridge baciò di nuovo Maria:
- Hai ragione Maria...
- Dimmi Ridge?

Lì vicino un fiore ancora caldo si richiudeva piano, sollevò un poco le sue foglioline del color dell'ombra e fece finta di niente.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Guido Ingenito il 09/05/2010 21:16
    Il fiorellino finale vale la lettura del racconto. Piaciuta
  • Anonimo il 09/05/2010 20:39
    Sembra un raccontino cosi ma sotto sotto c'è tanta roba... giusto? Piaciuto anche per la sintesi che a me manca. Mi son sempre piaciute le doti che io non ho. Ciao e... buona serata e buonanotte, sperando che non sia "in bianco".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0