accedi   |   crea nuovo account

Perché

Perché l' uomo che non sa piangere ispira timore?
Perché la solitudine morde qualche volta dal profondo del cuore, e quando non sai dove vai guardi indietro e poi continui il tuo cammino?
Perché solo il silenzio e grande e tutto il resto e solo debolezza?
Perché la saggezza vuol dire imparare a non soffrire?
Perché si ride quando si nasce e si piange quando si muore?
Perché l' amore senza motivo ha vita lunga?
Perché tutto ciò rappresenta noi stessi, la vita, l' essenza fatta dai profumi, colori e i sapori di ognuno di noi, lasciando le tracce del passato, il tempo, le parole dette e non dette, i sogni, l' amore il destino che trova un altra anima innocente, pura e sincera cosi è l' infinito. La vita è l' infinito.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Mauro Moscone il 15/11/2011 07:20
    È proprio vero che le domande son meglio delle risposte... succose, vitali, antibanausiche sì, belle...
  • Anonimo il 16/05/2011 06:58
    adela a parte un refuso... hai scritto un bel racconto pieno di sentimento e come dice guido, pochi commenti... non capisco nemmeno io comunque brava
  • ADELA MARIA OPRICA il 22/04/2011 20:01
    grazie mille.
  • antonio imbesi il 22/04/2011 10:13
    molto bella complimenti, auguri
  • Anonimo il 03/06/2010 07:51
    Già, la vita è ricca di perchè, le risposte arrivano raramente...
    Bella!
  • Guido Ingenito il 01/06/2010 02:57
    peccato che l'abbiano letta in 50 e ci sia solo un commento - la tua raffica di perchè è una sventagliata di mitra, la tua risposta un affondo al cervello di chi legge. Sul fuoco tanta roba da cucinare.
    Buonanotte

    Guido
  • Anonimo il 18/05/2010 08:05
    "Sovrumani silenzi e profondissima quiete" scriveva Lepardi nell'Infinito. Lo hai mai letto? Se no, provaci, vedrai che ti piacerà.
    Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0