PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il vento dell'ovest

"Mi ricorderai quando il vento dell'ovest si alzerà sul tuo viso? Dimenticherai la gelosia del sole nel suo cielo?"
Camminavano per i campi d'orzo, quelli che li avevano visti crescere, passo dopo passo, tenendoli per mano. Ci avevano corso, ci erano inciampati, ci avevano fumato le sigarette di papà.
"Quella volta che a momenti bruciava tutto, ricordi?"
Si erano dati il primo bacio, ci avevano fatto l'amore.
"Era la prima volta."
"Anche per me."
Si erano scambiati le prime promesse.
"Per sempre."
"Per sempre."
Dopo tanti anni camminavano per quei campi d'orzo ed il tempo aveva cambiato qualcosa.
"Il vento dell'ovest."
"Con la corrente le spighe continuano a muoversi e con te a guardare con me tutto è così delicato, così lento. Ogni secondo dura un minuto e ogni minuto dura un'ora."
"Anche adesso?"
"Adesso più che mai."
Le sfiorò il viso accarezzandola sulla guancia destra e lei cominciò a baciargli la mano per poi appoggiare totalmente la testa all'interno del suo palmo, come se volesse dormirci.
Lui davanti a quello sguardo perdeva il senso dell'orientamento e non solo quello. In quei momenti tutti i cinque sensi si mescolavano e lui si sentiva bruciare di passione.
Si abbracciarono.
"Sei mia."
"Sono tua."
Il vento dell'ovest cominciò a far danzare i campi d'orzo. Tutte le canzoni e le poesie del mondo erano lì rappresentate davanti ai loro occhi.
"Che fai, piangi?"
"Sì. Sono felice."
Il discreto soffio dell'ovest assistette a quel bacio con adeguato riguardo senza disturbarli. Davanti certe scene anche la natura con tutti i suoi elementi non poteva che rimanere a osservare in silenzio, con un pizzico di orgoglio e invidia.
Sono passati anni da quei giorni d'estate ma nulla era cambiato.
Le colline, i monti.
"Ti ricordi la bufera dell'anno scorso?"
"Per fortuna avevo le chiavi della baita altrimenti chissà come finivamo."
"Due allegri ghiaccioli in pasto ai lupi."
Risero.

"Mi dici cosa è successo?"
"Non lo so."

"Bisogna avere coraggio."

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Traumer il 26/06/2012 10:49
    Sì, mi è piaciuto.
  • Anonimo il 23/05/2012 15:07
    l'amore sdolcinato è un po come Dio, c'è chi ci crede e c'è chi non ci crede. Io sono un ateo d'amore, perché amare non vuol dire vivere momenti surreali, scene da film. L'amore quello vero è fatto di desideri carnali da soddisfare, di corpi sudati, di liti per piccole cazzate, di buoni e cattivi odori a cui abituarsi. Ma questa è l'amore visto dalla mia prospettiva... il tuo racconto l'ho immagino come un racconto di fantascienza, è allora ti faccio i miei complimenti. Spero che tu capisca il vero significato di questo mio commento. Non è un giudizio negativo.
  • Guido Ingenito il 28/06/2010 03:18
    grazie mille Loretta, contentissimo che ti sia piaciuto

    buonanotte Guido
  • loretta margherita citarei il 27/06/2010 15:11
    molto bello complimenti
  • Guido Ingenito il 01/06/2010 02:08
    come darti torto Daniela, eppure di tanto in tanto mi fermo e rimango in sospeso a pensare...
    grazie mille Daniela, un abbraccio
    buonanotte

    Guido
  • Anonimo il 31/05/2010 23:51
    Ed eccoti qui a promettere amore mentre vivi l'esperienza in diretta,
    l'amore resta e la vita cambia... mi disse qualcuno!!

    Questo è il racconto che mi piace in assoluto...
  • Guido Ingenito il 30/05/2010 16:55
    grazie Sara, è uno dei racconti a cui sono maggiormente affezionato.
    buona giornata!

    Guido
  • sara zucchetti il 30/05/2010 14:48
    Bel racconto molto dolce romantico, ma semplice come un campo d'orzo.
  • Guido Ingenito il 21/05/2010 02:30
    grazie Paola, rileggendola e rileggendo i vostri commenti mi riempio di emozioni. Auguro a tutti quanti, in preda all'alcool (in vino veritas), di camminare per i vostri personali campi d'orzo
  • Paola B. R. il 21/05/2010 00:02
    La vita scorre, fiorisce, passa, matura
    ma i campi d'orzo come il loro amore resta uguale!!!!
    Dolcissima storia!!!!
  • Guido Ingenito il 20/05/2010 01:18
    @Laura C: grazie mille, mi piace un sacco leggere commenti con gli elementi ricorrenti del racconto e tu nei sei maestra, ormai è palese!
    @Antonino: grazie mille davvero, è una soddisfazione sapere che è intrigante qualcosa che in realtà è molto semplice - la semplicità è di per sè intrigante ed è appagante comunicarlo
    @Una Qualunque: mi sciolgo in un brodo di giuggiole, certi commenti mi spingono ancor più a scrivere

    grazie a tutti!!!
  • Anonimo il 19/05/2010 22:07
    Oddio che bel racconto! Mi è piaciuto un sacco... che romantico, dolce, bellissimo. È reale. È splendido. Bravissimo
  • Anonimo il 19/05/2010 19:16
    Racconto intrigante... Molto scorrevole e asciutto 5 stelle
  • laura cuppone il 19/05/2010 14:55
    .. i sogni sono speranzosi
    e leggeri come il vento
    se sono piume d'ali libere
    d'amare...
    quelle spighe danzano così
    comunque
    perchè il vento
    le carezza e le ama.
    Dolcissimo racconto.

    Laura
  • Guido Ingenito il 19/05/2010 13:16
    grazie mille Nunzio, rispetto al tuo commento (davvero epico) il mio racconto è molto umile. Sono felice di aver suscitato una così bella reazione!
  • Anonimo il 19/05/2010 09:52
    Bisogna essere prediletto dagli Dei per meritarsi i Campi Elisi, là dove lo Zeffiro proveniente dal mare rinfresca gli uomini, là dove non è mai freddo, non c'è pioggia nè neve. Chissà se un giorno...
    Bravo. Gran bel racconto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0