PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'incubo di una notte

... Il nostro ospedale quella notte era in servizio di pronto soccorso, e tutto quel che accadeva nella regione veniva portato qua. Il mio letto era sul corridoio, a due passi dalla sala operatoria.
Dormivo. Nonostante il piagnisteo della gamba ingessata riuscii ad addormentarmi. Mi fece svegliare un rumore prodotto dalle grida e dalle corse dei medici. Sollevai la testa e vidi l'avvicinarsi veloce di una barella, dove c'era qualcosa di grande e di colore rosso intenso. Soltanto quando questo, non so che, arrivò al livello dei miei occhi ed io vidi una faccia sporca e terribile nella sua immobilità, che non aveva più di 16 anni, capii che questo coso era il corpo di un ragazzo. Più esatto, i resti di quel corpo. Abbassai gli occhi, rimanendo mortificata e scossa: là, dove dovevano esserci la mano e la gamba sinistra era tutto piatto, roso e molto bagnato. Poi la visione sparì nella sala operatoria. Subito dopo si realizzò un altro viso chinato su di me. Apparteneva ad un ragazzo. Ma questo viso sorrideva e parlava:
«Un incubo, vero? Hai visto come si è ridotto? Andava sulla moto e si è scontrato con un camion, a tutta velocità. Un colpo frontale! Trasportava una ragazza. Penso che i suoi pezzi li stiano ancora cercando. Te lo immagini? A pezzetti! Io qui conosco tutti. L'informazione pende dalle mie mani! »
Non potevo parlare e con fatica distinguevo le sue parole. Ma nel suo tono c'era qualcosa che affettava l'anima stupefatta. D'un tratto capii. Lui si divertiva! Si vantava di essere così ben informato! Oh, Signore, è possibile persino una cosa del genere?? Per via di questa illuminazione la scossa si approfondì ancor più, e smisi di comprenderlo del tutto. Ma non era finita. Le altre grida mi fecero bruscamente tornare in me. Un'altra barella. Un altro corpo immobile. Di nuovo un viso bianco, come un lenzuolo. E di nuovo macchie rosso vivo. Questa volta, intorno alla testa.
«Volo ad informarmi», disse il ragazzo e sparì.
Ma io non ragionavo più, e non c'era neanche un pensiero nella mia testa scriteriata.
«So tutto! È andato sulla bicicletta e-e bah! Una macchina lo ha colpito da dietro. Non lo aveva notato. Ha la testa frantumata! I medici dicono che, se anche sopravvive, rimarrà o cieco o idiota. Ora è in coma. Ha soltanto 30 anni. Hanno già informato la moglie. Ora arriva. Hanno due bambini. Te ne rendi conto? Oh! Qui ce ne sarà da vedere, tutta l'intera notte! Sicuro! Cerca solo di non addormentarti. »
No, tutto quel che accadeva intorno a me non raggiungeva la mia mente. Ma fece nascere le domande, che cominciarono a battermi come un picchio: ''Perché??" e '' Per quale motivo??". E sempre più fortemente desideravo tappare la bocca a quel ragazzo. Era più che abominevole e molto terrorizzante vedere la gioia e il divertimento scritti sulla sua faccia. Sì. Ciò era più terribile di tutto il resto.
Poi si precipitarono i genitori di quel giovane e la moglie di quell'uomo. E vidi e udii tutta la loro disperazione. E cessò di dolermi la gamba. E la perdita dello strojotrjad apparve come un granello di sabbia, sulla spiaggia immensa del dolore degli uomini.

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Guido Ingenito il 22/05/2010 02:05
    molto bello questo racconto, denso e articolato senza perdere il filo del discorso (il rischio era alto) - hai toccato tematiche a me care (ho scritto anch'io qualcosa del genere) e hai farcito il tutto con un paio di colte citazioni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0