accedi   |   crea nuovo account

Stella cadente (seconda parte)

Poi sentì un rumore e sollevando il viso vide, che era proprio lui, si avvicinò e mentre gli lanciava un sorriso, lo salutò con gioia. Un saluto subito ricambiato anche da lui, seguito da un dolce abbraccio.
"Mi dispiace per quello che è successo, non volevo, mi sei mancata tanto."
"Anche tu mi sei mancato tanto."
Poi arrossendo un pochino sorrise e abbassò la testa, lui si accorse della sua emozione e le prese la mano dicendo: "Vieni facciamo una passeggiata insieme." Lei disse di sì così mano nella mano si avviarono.
L'atmosfera era misteriosa e molto romantica, mentre camminavano, avevano molte cose da raccontarsi che non si accorsero che la notte era quasi finita, ma non appena vide spuntare il sole lei disse: "Devo tornare a casa se mio padre ci vede si arrabbia." E lui rispose: "Hai ragione!" poi raccolse un fiorellino per regalarlo a lei insieme a un profondo bacio che durò un attimo, ma sembrava non finire mai.
Come la sua mamma, anche Stellina aveva finito, era un po' stanca, ma mentre si avviava verso il castello, decise di fermarsi un momento in riva al mare e rinfrescandosi un pochino, persa nei suoi pensieri, vide sugli scogli Tuono. Osservando che non ci fosse nessuno in giro, decise di avvicinarsi. Per un attimo il sole fu coperto dalle nuvole, grazie a sua sorella, che si era accorta di loro due e voleva ricambiare il favore. Lo salutò e così fece anche lui con un dolce sorriso, invitandola a sedersi accanto a lui. Come il fratello, pose le sue scuse per ciò che aveva fatto, ma lei lo aveva già perdonato, perché l'amore che provava per lui era più importante e anche se non glielo aveva dichiarato apertamente, lui lo aveva già capito. Tra loro stava fiorendo qualcosa di magico ed era un amore struggente. Entrambi crearono una tenerezza infinita e guardandosi intensamente negli occhi, unirono istintivamente le mani e scambiarono un bacio. Poi si salutarono e Stellina tornò al castello per riposarsi.
Passò un po' di tempo, ma non accadde nulla di particolare, ogni tanto i ragazzi s'incontravano e trascorrevano insieme dei momenti piacevoli, però sempre di nascosto dai genitori.
Una sera mentre svolgeva il suo compito Stellina decise, visto che si annoiava, di guardare un po'sulla terra. In particolare in una città molto illuminata, dove notò sul davanzale della finestra di una casa piccolina, una ragazza che osservava il cielo ammirando le stelle e la luna. Stellina vide, anche da lontano, che i suoi occhi brillavano come le stelle, perché erano imperlati di lacrime.
La osservò per diverse sere ed ogni volta era così, finché una sera decise di raggiungerla. Prima però pensò a come avrebbero reagito i suoi genitori e a come sarebbe tornata in cielo, così chiese qualche consiglio a sua sorella, che era nel castello a riposare. Lei le disse di non preoccuparsi, che avrebbe informato lei i genitori e se c'era un buon motivo avrebbero accettato. Invece per quanto riguarda il ritorno, quando sarà passato un mese, le preparerà lei, una scaletta formata da gradini di nuvole e passo dopo passo sarebbe tornata in cielo.

123

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara zucchetti il 04/06/2010 18:16
    Grazie Giacomo! Sono contenta del tuo commento. grazie
  • Anonimo il 04/06/2010 15:06
    Bello questo modo di umanizzare gli elementi della natura... quel tuo modo di attribuirgli sentimenti e speranze, sogni e desideri è veramente avvincente... chissà per un bimbo che effetto farà? Ciao... alla prossima... appena posso leggo il finale.
  • sara zucchetti il 30/05/2010 11:33
    Esatto buona domenica caro denny e sono contenta che la storia ti abbia coinvolto!
  • denny red. il 30/05/2010 07:02
    sara stellina ora e amica di azzurra ok domani leggo l'altro capitolo, qui la storia si fa un po complicata.. ora ce questo nuovo ragazzo.. senza trascurare tutto il resto.. genitori che non vogliono.. piano piano.. ci siamo.. sara, penso.. già qualcosa di questa intesa storia.. poi.. ce tuono, e ci sono parecchi personaggi nel bene e male.. che incidono.. ciao sara buona domenica.. è domenica oggi? si penso.. di si.. spero di non sbagliarmi!! ciaooo!!!