PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio funerale

Non ho presagi di morte, ma so di non essere eterno. Non so quello che mi rimane da vivere, non ho certificati medici che mi condannano, non ho neppure voglia di morire. Forse anche perché non ho ancora voglia di andare al mio funerale mi renderebbe si, protagonista assoluto, ma anche triste... però vorrei scrivere come mi piacerebbe che fosse il mio funerale. Innanzitutto sobrio, eviterei di mostrarmi in pubblico come un fenomeno da baraccone. Possibilmente una bella canzone della PFM, allegra, niente marce funebri... mi rendono nervoso. Intorno a me poche persone, non quelle di famiglia con cui non ho più rapporti, le persone si amano in vita, in morte è troppo tardi. Solo mogli e figlie e uno dei miei fratelli, il più piccolo. La mia amica del cuore deve essere avvisata, così come voi del sito, ma giusto per farvi sapere del perché non scrivo più. Essendo che le mie poesie resteranno fra di voi, è facile immaginare che a leggerle e rileggerle, se volete ovviamente, potrebbero venirvi a noia e di conseguenza pensare.. ma perché non scrive più?
Magari a qualcuno potrebbe anche dispiacere, ma questo passa in secondo piano.
Importantissimo il banchetto:
Spaghetti aglio olio e peperoncino, broccoletti e salsiccia, birra, torta millefoglie e frutta di stagione, mi auguro di morire quando c'è dell'ottima frutta.
Mangiate e bevete alla mia... salute, anche se essendo morto, non ne avrò bisogno.
Soldi niente o quasi niente, il resto se lo divideranno moglie e figlie.
Che dite? Sarà un bel funerale?

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • ruggero rocchetta il 20/11/2016 11:46
    Carina la letterina, ma hai dimenticato di dire che con prima si muore, prima si va a vivere in eterno!(ovviamente se uno è credente)
  • Stanislao Mounlisky il 02/04/2015 08:35
    Spero che l'eventuale notizia non arrivi in ritardo: non vorrei perdermi il banchetto... siamo invitati, vero?
    A parte gli scherzi, il pezzo è divertente ma... sai, ho pensato davvero che qualche autore possa essere morto...
    Bruno Briasco, tanto per fare un nome, una bella persona che non compare più da molto... qualcuno ha sue notizie? spero, ovvio, che stia bene, semplicemente lontano da qui
  • Guido Ingenito il 26/05/2010 00:59
    idea carina, direi che poi ci divertiremo a vendere le tue poesie, sfruttando l'effetto post morte degli artisti "checihannolasciato". io comunque scaramanticamente tocco ferro e non solo

    Guido
  • clem ros il 25/05/2010 20:21
    mi raccomndo, niente fiori ma opere... poetiche.
  • Anonimo il 25/05/2010 17:06
    Bella idea Clem... d'accordo in tutto tranne che per la birra. Visto che ci sono salsicce e broccoletti proporrei un rosso mosso dell'oltrepo pavese... un Bonarda, per esempio. Sposo in pieno invece un pezzo della Premiata Forneria Marconi, essendo di Brescia puoi immaginare. Se accadesse all'inizio dell'autunno andrebbe bene Impressioni di Settembre.
    Bravo... scritto anche bene, oltre che originale.
  • Paola B. R. il 25/05/2010 00:15
    Però non ci hai detto come vuoi la lapide... scherzavo!!!!
    Se dobbiamo sdrammatizzare!!!!! Simpatica!!!!!
  • maria anita acciarini il 24/05/2010 23:33
    Immaginare, programmare, organizzare nei dettagli il proprio funerale è un modo per esorcizzarlo... ed allora... EVVIVA IL FUNERALE!!!!!
    Molto ironico, nella sua semplicità espositiva, con una vena malinconica. Bravo Clem Ros.
  • Michele Rotunno il 24/05/2010 21:51
    Penso che sarebbe simpatico ma, giusto per fare dei confronti, sarebbe meglio partecipare a quello di qualcun altro di cui non ci dispiacerebbe la perdita. Comunque lo trovo giustamente scaramantico. voto alla Ziliani 7, 5.
    Michele