PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La città è un mostro dai mille tentacoli

<Ho le mani piene di sangue cazzo. E poi dove sono, che cazzo di vicolo è questo?>
Mi sono ritrovato qui con le mani sporche di sangue. Qui a terra in questo vicolo.
È notte.
Prostitute
Tossici
<Hei amico, dove scappi, non vuoi divertirti un po' questa sera>

La città è un mostro dai mille tentacoli.
Scappa, lontano scappa.
Di chi è questo sangue, di chi è!!
Non sono ferito, ho i pantaloni che indossavo oggi al lavoro.
Sono nella via principale della città.
Vetrine di vestiti alla moda, in cui specchiarsi.
Faccia da spettro, occhi di morte
Una coppia di adolescenti mi guarda spaventata, hanno interrotto le loro effusioni e si sono spostati.
Emano angoscia.
Luce blu.
Manette

Il parco giochi, mio figlio sull'altalena, ride felice, lo guardo dondolarsi. Il mio ragazzo sta crescendo.
-Forza Peter, spingi quell' altalena, vola lontano


Francesca amore mio, come sei bella oggi, la tua pancia che cresce. Nostro figlio che nasce, i tuoi capelli decorazioni lunari. Sorridi.
I tuoi seni, che sono miei
Andiamo Francesca ti porto al mare, non stiamo qui oggi.

E tu chi sei?
Lasciatemi cristo. Lasciatemi.
<Signor Jackson stia calmo>
<Chi siete? Chi cazzo siete voi?!>
<Lasciatemi andare, la mia famiglia mi sta aspettando Oggi è il compleanno di mio figlio. Per favore!>
Il dottor Philips, dentro il suo camice blu, barba incolta, figlia di notti insonni, non riesce a capire.
<Signor Jackson, lei non si ricorda nulla vero>
<Cosa dovrei ricordare, maledetto bastardo fammi uscire>

Una gabbia di pareti bianche mi rinchiude, sono due anni che sono qui, da quel maledetto giorno.
Queste pareti che si stringono attorno alla mia testa.
Spremono i miei ricordi.

Casa
<Francesca, amore sono tornato.>
Un silenzio si estende per la casa come muffa sulle pareti
Il cuore mi pompa dentro al petto, fino ad esplodere
Sangue
Corpi sventrati
Peter e Francesca sono stati uccisi.

Rewind
<Francesca amore sono tornato>
il cigolio di un letto
ho un coltello in mano
<Ho le mani piene di sangue cazzo. E poi dove sono, che cazzo di vicolo è questo?>
Mi sono ritrovato qui con le mani sporche di sangue. Qui a terra in questo vicolo.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Valerio La Ferla il 21/06/2010 22:19
    Molto, molto originale. Mi piace da morire il disordine cronologico... Ti do un cinque senza esitazione.
  • antonio monteleone il 01/06/2010 21:13
    grazie ragazzi... un abbraccio
  • ayumi il 01/06/2010 18:58
    che figata. pazzesco. bellissimo*____*
  • laura cuppone il 31/05/2010 14:45
    Forse Peter non ricorda
    nn ha nulla da ricordare...
    forse...
    bello, bello, bello!!!
    tutto da immaginare
    tutto ancora da concludere
    anche se così, quasi surreale, così
    breve e intenso
    é già completo.

    bravo anto
    hai una fantasia vivida e una mente osservatrice...
    d'altronde in una città
    può succedere anche di peggio!!!!

    ... forse sapere di chi é quel sangue?

    ciao
    lau
  • Guido Ingenito il 31/05/2010 13:36
    ottimo racconto, disordine cronologico ben costruito senza sbavature. Racconto per certi versi claustrofobico - Ci assomigliamo molto (non sono l'unico che lo pensa) per cui il tuo stile è davvero splendido - piaciuta un sacco
  • Paolo La Montagna il 31/05/2010 08:51
    l'inspiegabilità della follia, spiegata magistralmente. intelligenti pauca...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0