PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Specchio

Ventidue ore terrestri.
Questo il tempo che mi resta per sciogliere le criocelle, liberare le quadriforme e far saltare in aria la fortezza di Neflon.
Ventidue ore e sono in viaggio da 8 flutti, un tempo che gli umani chiamerebbero secoli, un tempo scontato per noi, un tempo dell'attimo cosmico.
Mi muovo lento in questa atmosfera. Le prove biovirtuali non sono riuscite a rendere l'idea di quanto l'ossigeno pesi sul mio scheletro.
Sembro umano. Una piattaforma liscia e riflettente che chiamano specchio mi mostra le fattezze che ho scelto per questo viaggio.
Studiare la terra è stato facile, un transfert psico-dinamico che ho appreso osservando 20 flutti di questo strano genere di forma vitale.
É stato durante uno dei miei viaggi che ho... conosciuto ciò che ora cerco disperatamente.
Neflon ha proibito quella sensazione, come ha reso innocui i protettori indaco della quadriforme, congelandoli in micro celle d'azoto.
Le quadriforme...
Quelle creature...
Ho sentito quei versi durante il flutto 18.
La materia di cui son fatto si è scomposta e ricomposta in una danza linfatica senza eguali...
Le quadriforme riuscivano a fare qualcosa che gli umani chiamano "musica" col suono dell'orifizio centrale...
Hanno cantato.
Non posso dimenticare quali conseguenze ha avuto anche nel mio tempo, questa tonoparte. Gli umani la chiamano Emozione...
Io ne fui schiavo.

Sono scappato solo
Disobbedendo all'ordine deliberante, ho rubato una nave, i neuro combustibili e sono partito.
Non basteranno per tornare indietro. Lo so, io morirò qui.
Non possono uccidermi le armi terrestri, né quest'atmosfera seppure pesante.
Le quadriforme si. Se solo sentissi ancora il canto morirei.
Ed è per questo che sono venuto.
Per questo ho solo ventidue ore...

Ho scelto le fattezze giuste per questo viaggio ed ora sorrido mentre guardo dritto in faccia il distruttore, l'imperatore di Neflon di fronte a me, nella piattaforma liscia e riflettente che chiamano specchio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

23 commenti:

  • Antonio Viciani il 07/06/2010 12:08
    Però... sei eclettica. Poesia e racconti. Vogliamo ancora altri racconti!
  • laura cuppone il 04/06/2010 19:13
    grazie stefano.. benvenutissimo nella mia spelonca..
    i tavoli sono di legno
    e la birra é fresca.. c'è anche il vino e fogli e inchiostro...
    fuori un giardino...

    é un complimento grande per me fatto da chi scrive sul serio.

    grazie!!!!!
    a presto...
    voglio leggerti...
    Laura
  • Stefano Galbiati il 04/06/2010 18:52
    racconto molto bello, scorrevole e ricco di fantasia... personalmente scrivo solo racconti, ma ammetto che non sarei mai riuscito a creare niente di simile, forse anche per via della vena poetica presente in alcune frasi.
    È la prima volta che ti leggo e l'impressione è stata semplicemente ottima
  • laura cuppone il 04/06/2010 15:08
    aiuto!!!!
    arrossisco... davvero...
    Giacomo, i tuoi sono supercomplimenti...
    forse é solo un periodo..
    forse a volte i ricordi diventano avventure nel tempo... che poi negli anni descriviamo come... favole..
    ma come nuvole prendono forma in base al vento...
    tu sei maestro nella scrittura...
    io sono ancora all'immaginario ma non vuol dire che non ci sia del reale... dentro.


    grazie grazie grazie...!!!
    Lau
    fatina vergognosa...
  • Anonimo il 04/06/2010 14:00
    Hei Laura... fatina, creatura del mare... anche nei racconti sei unica. Mi trovo in pieno accordo con la magica Nicoletta, che amo, e con la quale sono in sintonia.
    Libertà, musica, fantasy... proprio vero... grande fantasia e bel modo di scrivere. A me manca questo senso della sintesi e la fantasia la trovo solo nelle poesie... nei racconti non so uscire dall'autobiografia. Ciao fatina... un abbraccio.
  • laura cuppone il 03/06/2010 10:22
    Nicoletta...
    le tue parole sono più morbide e dolci delle carezze.

    grazie a te...
    dolcissima mente
    Lau
  • laura cuppone il 03/06/2010 10:20
    Dolce...
    una veste in prestito...
    che forse indosserò ogni tanto...

    grazie

    un bacio
    Lau
  • laura cuppone il 03/06/2010 10:19
    Ciao Giuseppe!!!!
    che bello che sei venuto a trovarmi!!!
    ... le emozioni.. prerogativa umana?
    no... universale credo.

    bacio di fata

    Lau
  • nicoletta spina il 02/06/2010 23:17
    Non solo sei brava e unica poetessa, ma sai emozionare anche in prosa.
    La musica delle sfere dona emozione... morte e rinascita.
    Fantastica... mente la tua.
    Grazie per questo dono.
  • Dolce Sorriso il 02/06/2010 22:18
    anche in queste vesti sei straordinaria...
    bravaaaaaaaaaaaaa
  • Giuseppe Tiloca il 02/06/2010 20:07
    Laura.. veramente emozionante in poche parole... è corto ma racchiude un messaggio fondamentale, di cui noi siamo composti, le emozioni. È un bellissimo racconto, brava
  • laura cuppone il 02/06/2010 18:49
    terry...
    visto cosa può fare un periodo... come questo sommato all'imminente arrivo del solstizio d'estate????


    felice ti sia piaciuto!
    tvb
    Lau
  • laura cuppone il 02/06/2010 18:46
    Nunzio... si, l'entità aliena ha un'anima...
    ma deve sembrare il male per raggiungere il bene, per questo sceglie di somigliargli...
    la sua anima sarà l'estasi se potrà morire per la musica... e salvarla...
    ...(il mio solito vizio, come esistesse davvero...)
    grazie, grazie, grazie!!!!
    Lau
  • laura cuppone il 02/06/2010 18:43
    Carissimo Anto..
    non conosco il libro di cui parli(mi hai incuriosita, però)... i tuoi complimenti sono graditissimi... anche se per quanto riguarda il talento credo tu possa darmi lezioni(se se ne possono dare
    contentissima ti sia piaciuto!!!

    ciao
    Lau
  • laura cuppone il 02/06/2010 18:40
    Umberto...
    ESAGERATOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!

    grazie amico.

    vado subito a leggerti...

    Lau
  • laura cuppone il 02/06/2010 18:39
    ciao Guido, si era un pezzo perchè non ne scrivo mai...
    il genere fantastico in generale lo trovo affascinante e quello serio lo trovo uno dei miei preferiti...
    i termini sono un po' inventati e un po' rubati ai film...
    adoro la poesia e non posso mai farne a meno.. o forse lei di me?

    ti ringrazio moltissimo per il tuo commento, sempre sincero...
    ciao
    Lau
  • terry Deleo il 02/06/2010 18:35
    Una forza propulsiva. Mette in movimento i miei neuroni e mi fa volare su Neflon...
    Mamma mia... da brivido!
    terry
  • Anonimo il 02/06/2010 17:53
    Lo specchio è una porta che mette in comunicazione due mondi. A volte. A volte imprigiona l'anima. E il tuo protagonista un'anima ce l'ha, se vuole morire ascoltando un canto. Bello Laura. Molto bello.
  • antonio monteleone il 02/06/2010 16:53
    riletto una seconda volta!
    un talento inequivocabile!
    brava
    brava
  • antonio monteleone il 02/06/2010 16:52
    Riletto una seconda volta!
    il tuo talento è inequivocabile
    brava
    brava
    brava
  • antonio monteleone il 02/06/2010 16:50
    Laura c, molto molto bello
    Per caso hai letto La possibilità di un isola di Houllebecq?
  • Anonimo il 02/06/2010 16:42
    semplicemente spettacolare, ma come fai? stra... ultra... super... fenomenale...
    mi dai un po' del tuo talento... siderale????
  • Guido Ingenito il 02/06/2010 16:25
    era un pezzo che non leggevo un tuo racconto Lau! questo è molto bello, hai una fantasia vasta e devo dire sei pure bene informata ogni tanto ci metti qualche verso poetico (evviva) e il tuo stile asciutto mi piace. Lo specchio... forse è il caso che lo legga ancora un paio di volte
    piaciuta!

    Guido

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0