PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Memoria

Le foto non rapiscono l'anima dei soggetti.
Le foto rapiscono l'anima di coloro che le guardano.
Che ore sono? le 13. 10 e una manciata di secondi, esattamente otto in questo momento.
Continuo a guardare quella foto e non riesco a non tuffarmi in quelle sensazioni. Qualsiasi cosa appartenga al passato, che abbia fatto bene o abbia fatto male, fa parte del nostro passato per cui fa parte del nostro presente e farà parte del nostro futuro. Lo so. Cazzo se lo so.
Ma perchè proprio adesso? Domanda sbagliata.
Perchè ancora adesso?
Mi sento come se mi avessero infilato di forza nella lavatrice dopo una cena da McDonald's e avessero acceso la centrifuga. Per la sesta volta. Per la diciassettesima.
Cosa mi circonda? Nulla.
Ancora questa foto tra le mani e nessuna risposta dal cielo. È bastato un click per rimettere le cose dov'erano prima, ovvero da nessuna parte.
Tutta quella gente che mi aspetta. Nessuno ha la minima idea di che diavolo sta succedendo.
Perchè sta per succedere, vero?
Sai cosa ha il potere di infrangere una promessa? Il cuore.
Sai cosa riesce a darti la delusione più forte mai provata? Il cuore.
Un disagio così forte l'ho provato più o meno quella volta che l'infermiera mi esortò a infilarmi il termometro nel culo. Quanto era arrapante quell'infermiera.
Ho bisogno di bere, scommetto che papà ha lasciato il mobile degli scotch aperto.
Bingo! Via, giù tutto di un fiato.
Cielo sento il fegato abbaiare.
Un altro bicchiere.
Dove ho messo le sigarette? Trovate.
Sto per mandare tutto in cenere e la cosa più bella è che non me ne sento assolutamente in colpa. Anzi. Sento il bisogno di essere me stesso e mai come adesso sento la mia testa priva di merda. Chi prendo in giro? Non la testa. Il cuore.
Chiunque mi sparerebbe. Che dico? Mi spareranno.
Sto per distruggere il lavoro di una vita.
Tutto questo per una foto.
Sto per distruggere la vita di quelle persone.
Sto per distruggere la vita di quella persona.
Il castello in cui mi sono rintanato per tutto questo tempo mi appare per quello che è, un ammasso di stronzate e sabbia.
Non è troppo tardi come non era troppo presto.
So cosa direbbe papà, che dico, non lo so, non abbiamo mai parlato di questo. Quando gli dissi che volevo farlo e gli chiesi se era la cosa giusta da fare lui semplicemente mi sorrise e dandomi una pacca sulla spalla mi disse "Bravo. Sono contento per te". Basta.
Bussano.
- Avanti.

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Guido Ingenito il 06/06/2010 18:43
    è proprio la mia radiografia una cosa di cui non riuscirò mai a fare a meno. grazie Giacomo, te lo dico col cuore - amo i toscani e amo i ganzi

    Guido
  • Anonimo il 06/06/2010 16:11
    Prenditi le pause che vuoi ma non ce la farai mai a sfuggire alla tua indole di scrittore che vomita di stomaco con una velocità ed una facilità propria solo di chi vuole che sia il lettore a farsi una costruzione della vicenda. Tu fornisci gli ingredienti, di prima qualità... fai qualche esempio di come si manipolano e poi.. via, te ne vai, quasi sempre, e ci lasci a fantasticare, a costruire. Con la curiosità di sapere che cosa era quell'appuntamento... e quella foto... il tutto cammuffato con la scusa del cuore. Bravo... i miei amici toscani, come l'Amorina Roio, ti direbbero: Ganzo.
  • Guido Ingenito il 06/06/2010 13:38
    grazie Marco, effettivamente il vero protagonista di questo piccolo sogno è il cuore
    grazie mille e buona domenica!

    Guido
  • Guido Ingenito il 06/06/2010 13:38
    carissimo Nunzio, l'altro punto di vista me lo sono scordato, è un racconto molto egoista grazie mille!
    buona domenica!

    Guido
  • Marco Uberti il 06/06/2010 13:27
    Il cuore è tutto li... quasi tutto quello di cui abbiamo bisogno, per il resto pochi spicioli per riempire lo stomaco... bel racconto!
  • Anonimo il 03/06/2010 05:22
    Mi piacerebbe conoscere l'altro punto di vista... ma quella è un'altra storia!
    Ottimo Guido!
  • Guido Ingenito il 03/06/2010 03:53
    È bellissimo tornare a casa a quest'ora dopo l'ennesima notte folle, aprire la mail e trovare tutte questi commenti. sono felice, fosse per me vi ringrazierei uno per uno con un bell'abbraccio
    @ Michele: epatico mi piace un sacco, proprio ironicamente adeguato! grazie mille Michele!
    @ Daniela: "Un momento della vita in cui la certezza si fa strada a gran forza, sovvertendo i soliti motivi che prenderebbero piede in chiunque..", è esatto, chapeaux per l'analisi, grazie mille Daniela!
    @ Laura: meglio uno schiaffo hai proprio ragione! è una riflessione di getto e complimenti per il parallelo col Laureato - no, non ce la faccio a non scrivere! appena posso smetto di essere egoista, promesso! grazie di cuore Lau!
    @ Antonio: grazie per aver colto la frase e per i complimenti annessi, mi fa piacere fare questo effetto sui lettori, grazie di cuore Antonio!

    buonanotte a tutti, con affetto
    Guido
  • antonio monteleone il 03/06/2010 01:56
    il cuore non delude soltanto, certe volte illude.
    Bellissima questa frase
    il racconto è intenso, il tuo stile è come sempre particolare, ermetico, da interpretare
    è sempre stimolante leggerti
    Antonio
  • laura cuppone il 03/06/2010 00:06
    diverso...
    si, una piccola pausa...
    come un racconto nel racconto...
    una riflessione di getto anche se forse é da sempre in te...
    non é mai detta l'ultima...
    ... mi é venuto in mente l'opposto dell'epilogo che proponi... la scena finale del Laureato...
    non é mai troppo tardi... mai
    per un cuore...
    o dentro o fuori...

    resta così, sincero...
    meglio uno schiaffo.. vero
    che cento carezze finte.. no?

    non ce la fai, vero a non scrivere?
    no.. non ce la fai...
    ma io attendo sempre una poesia.. ogni tanto...
    egoista!!!
    io.. ovviamente.

    piaciuto!

    notte dolce.
    Lau
  • Anonimo il 02/06/2010 22:11
    Comunque è un bel racconto, scritto bene, scorrevole e tocca parecchi
    stati d'animo. Un momento della vita in cui la certezza si fa strada a gran
    forza, sovvertendo i soliti motivi che prenderebbero piede in chiunque..
    " non posso farlo proprio ora, mancano poche ore..." sbagliando per la vita!

    Bellissimo, mi è piaciuto Guido...
  • Michele Rotunno il 02/06/2010 21:36
    Bellissimo racconto Guido. Travolgente sia la forma che il contenuto. per sdrammatizzare vuoi un aggettivo ironico? Epatico!
    Ciao.
  • Guido Ingenito il 02/06/2010 21:03
    questo è un racconto che non c'entra con quello che ho scritto fino adesso mi sono concesso una piccola pausa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0