PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E lei si suicidò

... Io camminavo lungo il corridoio del piano superiore del nostro istituto. Ossia, lungo una galleria, poiché su una parete c'erano delle finestre enormi, che davano sulla strada, mentre sull'altro lato si trovavano le classi di studio. Non ricordo dove mi stessi dirigendo e neanche il perché mi trovassi lì. Inoltre, quel corridoio era completamente deserto il ché mi fa discernere che le lezioni in quel momento stavano andando a tutta marcia. Soltanto all'altra estremità del corridoio stavano conversando due insegnanti, e ad una certa distanza da me, proprio davanti, andava a passo accelerato una ragazza.
Mai l'avrei memorizzato! Non aveva nulla di speciale, nulla di non usuale! Che c'era di strano se una persona si affrettava? Che c'era d'eccezionale se stava facendo tardi per qualche appuntamento?
Così, sbirciavo lo spazio del corridoio molto pigramente, quasi assentandomi con la mente. Poi la visione periferica notò come la ragazza si fermò, circa a metà della galleria, come bruscamente curvò verso la finestra, come l'aprì e lanciò uno sguardo verso il basso, come poi si arrampicò sul davanzale e saltò giù. Dopo io udii un colpo attutito e bagnato emesso dall'asfalto del marciapiede, e tutto si zitti.
Mi occorsero lunghi secondi per apprendere quello che accadde sotto i miei occhi. Il corpo non si muoveva, diventato una statua, mentre il cervello urlava freneticamente nel tentativo di sbloccare la ragione. E soltanto quando i miei occhi videro come entrambi gli insegnanti si lanciarono verso la finestra aperta, oramai vuota, avevo afferrato tutto...

No, non volevo avvicinarmi alla finestra. Mi ribellavo con tutte le mie forze. Diventai sorda e cieca per lo sforzo impiegato a non farlo. Ma i miei piedi inarrestabilmente si dirigevano verso la bocca spalancata, che aveva appena inghiottito una vita. E mi ci avvicinai prima che quei due uomini si fossero ripresi abbastanza per impedirmelo. Mai potrò scancellare dalla memoria questa vittoria della morte: il rosso sgargiante del sangue versatosi sul nero e bianco, a macchie, dell'asfalto, forse dovute all'orrore, forse alla neve. Era tutto qui, quel che era rimasto da una speranza sconosciuta...
Quando mi allontanai dalla finestra, intorno a me c'era già radunata una folla di gente. No, non una folla di gente, bensì di ombre, poiché aprivano le bocche ma senza emettere suoni. Inoltre, non avevano corpi, perché sono sicura di esserci passata attraverso, ma lentamente, molto lentamente. Mi ricordo bene lo squillare negli orecchi e il vuoto nella testa. Non avevo neanche un pensiero. E soltanto dopo essere uscita sulla strada, mi raggiunse il colpo sfrenato della paura e dell'orrore per quel che vidi.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Tajvi Tum il 08/06/2010 13:32
    Ho publicato anche la parte finale.

    Giacomo! grazie!
    La parola "Scancellare" mi piace più di qualunque atra parola. Forse proprio per questo - per destare l'attenzione sembrando non giusta...
  • Anonimo il 06/06/2010 16:30
    Grande sintesi di un fatto tragico che, se fosse accaduto a me, non sarei riuscito a descrivere nemmeno in quattro pagine. Tu invece riesci mirabilmente a portarci sulla scena... e, non paga, ci fai pure riflettere. Bella la frase della..."vittoria della morte" che sta ad indicare l'impotenza di fronte a certi misteri della vita. Un dubbio su quel Scancellare, che a me piace molto, perchè è forte e diretto, ma forse non è corretto. O forse si... lo lascerei, tutto sommato.
  • Anonimo il 05/06/2010 19:13
    Un po'troppo breve... secondo me la trama meritava uno sviluppo più accurato...
    Piaciuto e vibrante
  • Anonimo il 05/06/2010 15:30
    tu la vivi sempre la tua sensibilita'in ogni cosa che vedi e fai mi cara scrittrice c'e' sempre qualcuno che ti capisce... brava
  • Tajvi Tum il 05/06/2010 14:54
    Che cosa, Antonio, posso dorti? Solo una, reggiti!, di provare almeno una volta mella tua vita la stessa cosa...
    TVB
  • antonio monteleone il 05/06/2010 10:17
    che dire: hai trasmesso molto bene, specialmente nell'ultima parte, il senso di smarrimento e angoscia crescente, che solo dopo la visione di un tale avvenimento possono scaturirsi in maniera così esplicita
    scrittura elegante, alla prossima
    antonio
  • Tajvi Tum il 05/06/2010 07:47
    Grazie-
    Per scriverlo ho dovuto tornare in quel coridoio... e rivivere quel incubo di nuovo...
  • Guido Ingenito il 05/06/2010 03:04
    tremendamente pauroso. come tutto può cambiare in pochi secondi. complimenti per aver affrontato un argomento così delicato. scritto molto bene
    piaciuta

    Guido
  • denny red. il 05/06/2010 01:36
    triste realtà, un attimo.. un volo. ben scritta. brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0