accedi   |   crea nuovo account

La clessidra

La vita è come una clessidra, tanti granelli che scivolano via
uno dopo l'altro, inesorabilmente
C'è ancora tempo! ti ripeti e vorresti fermare quella lenta caduta
vorresti che qualche granello s'incastrasse, creasse un ingorgo.
Perché a volte sei felice, perché vorresti afferrare quella felicità anche coi denti
per trattenerla eternamente.
Vorresti attaccarti a quella felicità con la pancia, come un antico cordone ombelicale
che ti da vita e speranza.
Ma alla fine, maledirai quel dio impietoso o indifferente, perché non hai più tempo
o aspetterai quell'ultimo granello, che come una pioggia nel deserto ti tolga la sofferenza
quale unica compagna di vita.
Purtroppo quando l'ultimo chicco di vita si sarà depositato, nessuna mano
pietosa rovescerà la clessidra per te.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • olga il 20/09/2015 13:30
    Molto bella, complimenti!
  • Bruno Briasco il 28/08/2011 19:39
    Bella Marco, anche se un po' pessimistica. E a maggior ragione, se è come pensi, che si dovrebbe vivere la vita con più intensità... con più entusiasmo. Un caro abbraccio
  • Anonimo il 14/04/2011 09:40
    Diciamo che nessuno di noi accetta il trascorrere del tempo... e tu hai descritto benissimo questo stato d'animo Marco... per questo bisognerebbe vivere intensamente il presente poiche non esiste più...è gia futuro.. ed il passato solo un ricordo di ciò che è stato oggi... complimenti sei molto bravo ed è un piacere commentarti
  • laura cuppone il 07/06/2010 09:49
    Time
    (Mason, Waters, Wright, Gilmour)

    posso aggiungere altro?
    no.. time off!!!!

    Lau
  • Anonimo il 06/06/2010 06:31
    Se osservi la sabbia consumarsi dentro la clesidra del tempo, non fai altro che contemplare la fine in un lento, inesorabile declino della vita. Meglio non farsi tante domande e vivere quel che rimane all'oscuro del tuo destino.
    Ottima riflessione.
  • Guido Ingenito il 06/06/2010 04:37
    nudo e crudo. l'immagine della clessidra è davvero affascinante, nella tua trascrizione sembra enorme come un grattacielo.
    buonanotte

    Guido

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0