accedi   |   crea nuovo account

Non c'è più tempo

Sola. Nessuno in giro. Una maledetta pietra. Due rose.
Una bianca.
Una rossa.
- Che ci fai lì - si chiede, con gli occhi gonfi ma ormai aridi.
Una settimana di pianti.
Lei, da sola.
Lui non c'è più.
Lei partirà.
- Dovevo dirti molte cose - un pianto isterico corrompe il silenzio del cimitero. Nessuno in giro.

La piazza era piena. Studenti e operai. Militanti e simpatizzanti.
Il governo aveva stanziato nuovi fondi per le missioni di pace, tagliando finanziamenti alla scuola pubblica, all'istruzione. Nostalgia del '68.
L'università, la culla della società civile, aveva accusato l'ennesimo colpo mortale, l'ennesimo decapitamento. Come sempre.
Finalmente gli operai erano tornati al fianco degli studenti. La coscienza era tornata a illuminare i cuori delle persone.
Non se ne poteva più.
Arianna era in prima fila, seduta a gambe incrociate con una sigaretta in mano. Una giornata caldissima. Sul palco c'era il suo ragazzo. Lo guardava. Lo rispettava. Con quel megafono in mano era il suo adone, l'essere perfetto. Forte, deciso. Stronzo. Ma andava bene lo stesso.
Le voci cominciarono a girare.
Lui si fermò un attimo. Il suo amico gli disse qualcosa all'orecchio.
La notizia squarciò l'anima di tutti i presenti.
Un ragazzo era stato colpito in Piazza della Scala. Da un poliziotto. Cori e insulti verso le forze dell'ordine, senza aspettare di sapere il reale motivo di quell'insano gesto.
La corsa frenetica.
Piazza della Scala si presentò loro come il teatro del più atroce degli spettacoli. Centinaia di poliziotti, un paio di ambulanze, i furgoni dei canali televisivi. Migliaia di curiosi.
E adesso anche loro.
Migliaia di studenti.
Migliaia di operai.
Arianna era terrorizzata. Tremava di fronte queste cose. Odiava la morte. Odiava le armi. Una ragazza normale, intelligente, sensibile.
Si guardò intorno.
Vicino al corpo coperto da un lenzuolo bianco c'era una bicicletta viola, con le ruote rosso fuoco.
Come quella di Matteo.
L'Ansa comunica che durante dei piccoli tafferugli di Piazza della Scala, forze dell'ordine sono venute a contatto fisico con alcuni manifestanti che brandivano bottiglie rotte e molotov. Una sparatoria.
Un ragazzo stava passando di lì in bicicletta.
Un proiettile vagante lo aveva colpito in pieno petto.
Arianna sentì le vene congelarsi.
Cominciò a correre. Sfondò il cordone della polizia travolgendo un paio di agenti. Le telecamere stavano riprendendo tutto.
Arianna alzò il telo.
Matteo.
Il suo ex. Il suo primo amore. Lasciato senza troppa convinzione. Non si erano più parlati. Lui era rimasto scioccato dalla sua decisione. Se ne era fatto una ragione dopo un anno. Aveva un sacco di cose da dire ad Arianna. Prima o poi. Aveva cominciato a dare ripetizioni a un ragazzo disabile che abitava in via Manzoni, vicino alla Scala.
Matteo non era pronto a combattere per la politica. Ma se ne interessava. Scriveva articoli per un paio di giornali e un blog.
Era Matteo.
Un urlo. Un pianto isterico. Arianna portata via da tre agenti. Altri tafferugli. Nessun altro morì. Qualcuno rimase ferito.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Guido Ingenito il 08/06/2010 03:55
    Grazie Lau
    dolce notte...

    Guido
  • laura cuppone il 08/06/2010 00:39
    un racconto toccante...
    il massimo delle stelle.

    bravo Guido!
    ...
    lau
  • Guido Ingenito il 07/06/2010 17:44
    grazie Nunzio, ogni tanto torno sulla terra... per sfortuna

    Guido
  • Anonimo il 07/06/2010 17:41
    Mi stavo abituando alla tua mitologia cosmica, quando mi riporti sulla terra con questo racconto. Argomento storico e d'attualità, asciutto e ben scritto. Eccellente!
    Ciao.
  • Guido Ingenito il 07/06/2010 16:19
    Grazie Antonio, quando posso esco dalla progione della saga spaziale per tornare più... più... boh, non so.
    grazie mille

    Guido
  • antonio monteleone il 07/06/2010 16:17
    Mi era sfuggito questo racconto... molto reale... ogni riferimento... non è casuale hehhe
    ottimo anche in questa veste
    Ciao
  • Guido Ingenito il 07/06/2010 16:04
    wow Daniela... c'è molta fantasia e molto sangue in questo racconto. il mio intento era lanciare più di un messaggio, spero di esserci riuscito. non nego che ci sia un po' di "vera verità" in tutto questo. grazie di cuore!

    Guido
  • Guido Ingenito il 07/06/2010 16:02
    grazie Stefano, amo spezzare le frasi riducendo le articolazioni all'osso. sei molto gentile, grazie mille!

    Guido
  • Anonimo il 07/06/2010 15:22
    Waw... senza parole!! Nuovo inizio, nuova trama, tragica e stop.
    Arianna davanti ".. alle parole che non ti ho mai detto..", lei sensibile
    di fronte alla morte di un'icona come il "primo amore" insoluto...

    Bello e secco, reale quasi... sembra il racconto inventato di una storia vera
    o almeno di sensazioni e emozioni vere, magari una morte per rinascere...
    sicuramente irrisolto!!
  • Stefano Galbiati il 07/06/2010 15:04
    racconto molto intenso e toccante nel finale... ho notato che utilizzi molto il punto per spezzare le frasi, che risultano così corte e secche.
    In questo caso la scelta devo dire ha funzionato, il tutto assume un'aria ancora più realistica, quasi come un articolo di cronaca.
    Bravo!!!
  • Guido Ingenito il 07/06/2010 13:27
    pausa - il romanzino continua nel prossimo racconto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0