PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fino a quando?

Pochi passi e le scarpe le facevano male. I tacchi troppo alti, troppo a punta.
La scritta sul muro...
Non poteva crederci che i graffitari avrebbero colpito ancora.
"OSMOSI". Giallo arancio con riflessi e chiaroscuri blu elettrico e il nero a dare il tocco di grazia
Era un'opera d'arte, immensa e colorata, sui muri del comune, dall'oggi al domani.
Il sindaco avrebbe fatto i suoi soliti discorsi, sua moglie sarebbe svenuta, il suo cane avrebbe fatto la sua pisciatina e il giorno dopo avrebbero cancellato tutto.
Fino a quando?
Sorrise divertita. Per un attimo, poi quelle maledette scarpe la distolsero ancora.
Fausto l'avrebbe incontrata tra due ore, ma lei non riusciva a stare in casa.
Si sedette al primo bar davanti al lago, quello per turisti, quello con le torce che riscaldano l'esterno anche d'inverno.
Tavolini in vimini, sedie in vimini, gestore in vimini... Se non altro per il colore dei suoi capelli.
Bevve un Martini con un cubetto di ghiaccio. Le piaceva scaldarsi un po' e arrossire in viso, l'incarnato era sempre troppo pallido e spento e poi il Martini era l'ideale anche per sciogliere i nodi che nello stomaco la facevano sentire imbarazzata e allo stesso tempo eccitata.
Fausto... che strano incontro.
Nel negozio di scarpe dove aveva comprato quegli strumenti di tortura. Era lì che lo aveva visto, scuro in volto con gli occhi grigi come il marmo, con i capelli legati sulla nuca alla meglio, gentile e stanco, gentile e bellissimo.
Anche lui l'aveva vista, forse non subito, ma appena se ne accorse le corse incontro per servirla.
Le prese le scarpe in vetrina, quelle che avrebbe comprato, gliele mise ai piedi facendola rabbrividire, la fece camminare un po' per farla abituare.
Portò la scatola in cassa per farla pagare. La salutò e le disse:
"Domani sera, alla piazza popolare, suono il sax, mi vieni a sentire? Sono Fausto, non ti puoi sbagliare."
E sorrise
E lei si perse, nel bianco perfetto di quelle perle, nell'espressione cupa e dolcissima dei suoi occhi, notò la leggerissima piega delle sue labbra, che mai avrebbe dimenticato e dopo interminabili attimi di catalessi, si riprese dicendo: "Va bene, ci vengo volentieri, mi chiamo..."
La interruppe bruscamente, almeno con lo sguardo tagliente e poi disse: "Non importa il nome, saprò chi sei se verrai. "

Le luci si spensero tutte quante, contemporaneamente. Il palco s'illuminò in un punto e la "musica degli angeli" ebbe inizio.

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

23 commenti:

  • Giovanni Del Prete il 17/01/2012 17:38
    Stile di scrittura leggero, scorrevole, diretto quindi piacevole.
  • laura cuppone il 12/06/2010 11:53
    prego, orecchio sensibile...
    sussurro grazie... a te.

    ciao Antonio

    Laura
  • Antonio Viciani il 11/06/2010 20:20
    Fantastica! Grazie, molto dolce, un sussurro piacevole e intenso.
  • laura cuppone il 11/06/2010 14:50
    grazie luca.
    contenta ti piaccia.

    Laura
  • Anonimo il 11/06/2010 14:37
    veramente bello. Si legge bene, è agile ed evocativo, e con il giusto alone di mister
  • laura cuppone il 10/06/2010 11:36
    hey ange...
    ciao meraviglia...
    grazie.. lo so.
    e che non lo so????

    ta
    Lau
  • Anonimo il 09/06/2010 18:58
    Laura
    sorella cara
    che meraviglia, ti ho sempre detto che il tuo potere narrativo ha qualcosa di magico, di speciale come pochi.
    Sono entrata dentro al tuo racconto, vabbè lo sai, vero? che sono una malata di romanticismo
    e tu nelle tue poesie e le tue storie, ci metti quel fascino che ha un sapore antico.
    Mi piace tesoro mio
    Grazie per avermi trascinato nel tuo mondo d'amore.
    ciao amore mio
    Angelica
  • Anonimo il 09/06/2010 12:20
    Certo che lo credo, ne sono sicura!!!
    fatina svolazzina
  • laura cuppone il 08/06/2010 21:55
    credi davvero portycatebbona?

    che bella che sei...
    spero di vederti presto.. e di raccontartele all'orecchio le mie storie..
    magari dopo una bottiglia di rosso..

    ok, ok.. la smetto e svolazzoooooooo
    ciao cate e grazie!
    lau
  • Anonimo il 08/06/2010 21:07
    Fatina!!! Ma sei SUPER!!! Dona parte della tua fantasia ai racconti!! Bello, bellissimo!
  • laura cuppone il 08/06/2010 20:23
    infinite grazie, troppo generoso.
    ciao Nino...
    Lau
  • Anonimo il 08/06/2010 19:36
    Giustissimo ciò che ha detto Guido. Bravissima... enigmatica a volte
  • laura cuppone il 08/06/2010 17:52
    oco.....
    carino giacomo... grazie!

    Lau
  • Anonimo il 08/06/2010 17:48
    Laura... che oco sono... come ho fatto a non pensare alle scritte... perdonami. Ciao... bacino.
  • laura cuppone il 08/06/2010 17:14
    Giacomo ti dirò che la tua analisi mi lusinga e che ogni volta temo un tuo commento anche se so che sarà costruttivo e non solo carino a prescindere..
    ok...
    il titolo?
    fino a quando compariranno le scritte? fino a quando saranno cancellate?
    ...

    GRAZIE!!!!
    davvero...
    Lau
  • laura cuppone il 08/06/2010 16:58
    l'oro é del silenzio non della parola..
    ok ci proverò
    grazie guido.
    lau
  • laura cuppone il 08/06/2010 16:58
    grazie nunzio... dovrò prendere più tempo.. e leggerti di più...
    almeno imparo di più.. come da tutti voi amici.

    grazie ancora.
    lau
  • laura cuppone il 08/06/2010 16:56
    Ciao Anto
    grazie per questo "incitamento"...
    mi diverte a volte scrivere più di 10 righe
    anche se faccio fatica a non andare a capo..
    grazie!!!
    bacino
    Lau
  • Anonimo il 08/06/2010 16:37
    Ah... dimenticavo, il titolo? Fino a quando cosa? Ho pensato e ripensato ma non ho trovato niente che avesse a che fare con lìamore, la magia o l'eternità. Bacio
  • Anonimo il 08/06/2010 16:02
    Una magica osmosi d'amore... bel racconto, tempi e cadenza giusti per il Web... mi sa che abbiano trovato una poetessa che, nei momenti di pausa, si dedicherà alla narrativa e, perchè no, a noi. Cosi sperano Antonio, Nunzio e Guido... cosi spero io che ti rassomiglio per la mia indole poetica con la passione per la narrativa. Bacio.
  • Guido Ingenito il 08/06/2010 13:58
    Lau, cito Anto: "non sottovalutare la tua capacità narrativa". La tua fantasia è oro.
    Piaciutissima

    Guido
  • Anonimo il 08/06/2010 11:13
    Siamo impermeabili, ma non alle emozioni ed ai sentimenti, che si mescolano e si livellano in armonia.
    Veramente bello!
    Ciao!
  • antonio monteleone il 08/06/2010 10:31
    un'invasione, una trasformazione, liquidi che si mischiano...
    bello laura, veramente
    non sottovalutare la tua capacità narrativa che scorre senza intoppi

    Ciao
    Antonio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0