PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Torre Eiffel

Credo nelle persone buone e nelle cose che so fare.
E credo che tu sia la più buona che conosco e più brava di me a fare praticamente tutto.
Per questo ho fatto tutto quello che ho fatto e mi sono precipitato qui.
Perchè penso, anzi, perchè sono sicuro, che dovremmo farlo.
Sono sicuro che dovresti infilarti questo anello e dire sì davanti al primo prete che incontriamo o al sindaco,
perché so dove abita e non sarebbe un problema.
Solo sì.
Sono sicuro che dovresti fare quest'unica, semplice cosa.
Perché ne ho bisogno, perché ti amo.
E perché sapresti farla benissimo.

Ti ricordi quella volta al mare, guardavamo l'orizzonte, tutto sembrava potesse succedere in quel momento, eravamo io e te, una cosa sola. Soltanto io e te.
Tu mi guardavi con quegli occhi così grandi, sembrava così naturale perdersi lì dentro. E il chiarore della luna che si rifletteva sul mare, quello spettacolo così sfacciatamente romantico, non era niente in confronto alla bellezza e alla magnificenza dei tuoi occhi.

I tuoi occhi...

labirinti d'amore in cui perdersi, sì perdersi perché uscirne fuori sarebbe stato come smettere di vivere.
La tua bellezza sublime mi faceva sembrare così piccolo confronto alla gioia unica e totale che solo la perfezione della tua persona riusciva a darmi
I miei figli avranno bisogno di una madre come te, che li tenga al riparo da questa società malata, dove tutti sono squali, pronti a divorare, masticare, vomitare, umiliare e distruggere il prossimo
Solo tu potrai farlo amore mio.
Noi siamo i due lati della perfezione, l'Yin e lo Yang, siamo due rette parallele che superano le barriere della fisica e si incontrano e si uniscono, si amano, si toccano e diventano amore.
Le nostre mani dovranno essere unite. Dobbiamo poterci proteggere insieme da questo squallore, da questo putridume sociale che regna sulle nostre teste costrette a guardare sempre verso il basso, dal peso dell'indifferenza che ogni persona sputa addosso all'altra.
Con te potrò superare il peso della routine giornaliera, il lento spegnersi dei miei giorni dietro movimenti sempre uguali, dietro l'ineluttabile ripetersi dei gesti che scandiscono la vita delle persone a colpi d'accetta sulla schiena.
Con te tutto questo sarà pura poesia, l'esistere avrà l'unico scopo d'amarti, l'ignavia non farà parte della mia persona, io mi schiererò dalla parte del bene, dalla parte del bene che solo tu, amore mio, puoi infondere in me.

12

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Fernando Piazza il 11/01/2012 23:07
    Non potevi trovare location più azzeccata della Francia per questo tuo raccontino, il cui finale rimanda alla "rivoluzionaria" ghigliottina. Come un moderno e "romantico" Danton hai dato alla tua storia d'amore un... taglio decisamente originale.
  • Ettorina Gerbelli il 12/06/2010 18:37
    bella storia d'amore malata e irresistibile. Lui vuol sempre stringerti e baciarti con passione!
    Ma stai attenta, or ti vuol portare ulla terrazza della TorreEiffel... Lei:-Beh, che vuol dire? cosa c'è di male se mi porta sulla Torre Eiffeeeeee...-
    Ma le voleva bene... tanto bene... tanto bene..
    Bene da morir...-
  • Anonimo il 10/06/2010 15:46
    Stesse sensazioni di Paola... leggevo affascinato quella dichiarazione d'amore che, se fossi una donna vorrei certamente sentire, anche se fuori moda, e però mi chiedevo, nello stesso tempo, dovìè l'inghippo? In effetti il finale a sorpresa era nell'aria... io temevo che ci fosse un No di lei, un suicidio dalla torre eiffel ed invece, la testa che rotola.
    Io preferisco i finali lieti ma devo dire che il racconto è scritto molto bene ed è realista, nella prima parte. bravo... alla prossima.
  • Guido Ingenito il 10/06/2010 12:01
    vecchio birbante di un Antonio, ma ci vuoi lasciare almeno un cazzo di lieto fine?!? ahahahahahahah scherzo naturalmente (parlo proprio io) - mi hai allegramente raggirato, come composizione e forma credo che questa sia tra le tue migliori
    complimenti davvero - continua così!

    Guido
  • Anonimo il 10/06/2010 06:47
    Antonio, dichiarazione d'amore ad una reliquia dellaa persona amata. Non c'è male, non c'è male. Ottimo!
    Ciao!
  • laura cuppone il 09/06/2010 23:49
    ossignore... una love-horror-story spettacolo!!!!

    sei davvero un matto tu!!!!

    ciao Anto!!!
    mezz'ora eh?

    Lau
  • Paola B. R. il 09/06/2010 23:06
    Pensavo a tutte queste romantiche parole piene di pittoresche e amabili figure e mi chiedevo, dov'è l'inghippo??? Ma, forse farà la dichiarazione a un cane o a qualche oggetto strano ma, MAI E POI MAI a una testa rotolante!!!!
    BRAVISSIMO, bel finale a sorpresa... e... scrivi anche molto bene!!!!!
  • antonio monteleone il 09/06/2010 22:20
    hahah si esatto Michele... Giudittà ha colpito ancora hahahaa
  • Michele Rotunno il 09/06/2010 21:56
    Amore succulento. Ahahahah! Ho l'impressione che nel sito da qualche giorno sia in atto una sanguinaria rivoluzione. Rotolano troppe teste. Lancio un'idea: un racconto sille impressioni e gli ultimi pensieri di una testa rotolante. Lo si potrebbe chiamare Head rolling, che ne dici? Comunque all'inizio mi stavo commovendo pensando al giorno del mio matrimonio ma, ti assicuro, mi sono commosso lo stesso per l'insolito finale.
    Sindrome di Oloferne.
    Ciao
    Michele

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0