PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Elefante

Quattro.

Voglio diventare qualcuno. Voglio insegnare. Non importa in quale università. Voglio insegnare. Questo conta. Sono iscritto al terzo anno di filosofia. L'università è la culla della conoscenza.
Certe cose succedono solo nei film.

Cinque.
Sei.
Sette.

Con lei ho fatto l'amore per la prima volta. Mi manca. Ma adesso ci sei tu Michelle. Ieri abbiamo fatto l'amore. Per la prima volta. Io e te. Il tuo orgasmo lo sento ancora. Ti ho detto "ti amo". Che strana cosa poterlo dire. Che strano farlo. Non sarà l'ultima. Giuro.

Otto.
Nove.
Dieci undici dodici tredici quattordici.

Mamma e papà. Non vi deluderò. Quest'anno ho studiato poco, è vero. Ma giuro che mi impegno. Voglio insegnare. Diventare professore. Avere a che fare con gli studenti. Combattere e insegnare a combattere. Star loro vicino. Essere come John Keating. Cogli l'attimo, cogli la rosa quand'è il momento, perché, strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno smetterà di respirare, diventerà freddo e morirà. Lo ricordo a memoria.

Quindici.
Sedici.

Diciassette.

Diciotto.

Il cuore batte. Ieri sera il concerto dei Muse. Spettacolo. Musica e luci. Tra tre giorni quello dei Radiohead. Idioteque. Chi c'è nel bunker? Prima donne e bambini. Prima donne e bambini. Cristo Santo.

Diciannove.
Venti ventuno ventidue ventitré ventiquattro.

Venticinque.

Nel bunker ci sono io. Nessuna donna, nessun bambino. Solo io.

Ventisei.

Oggi Mr Baumaan ha spiegato gli aforismi di Heidegger, collegandoli alle tre leggi antropologiche di Plessner. Cos'è l'uomo? Esiste l'uomo? Aristotele oppure Hobbes?

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Guido Ingenito il 11/06/2010 13:14
    grazie Daniela, una cosa terribile - armi a scuola, armi in libera vendita, armi.
    lacrime dal cuore. amarissime.

    grazie mille!!!

    Guido
  • Anonimo il 11/06/2010 08:17
    Un racconto che analizza un attimo di follia! Inspiegabile per i più,
    successo purtroppo, vite perse solo per quell'attimo di follia...

    Bravo Guido, è sinonimo di orrore un fatto del genere... armi a scuola,
    penso, l'indifferenza per un disagio mentale che forse poteva essere
    riconosciuto e avrebbe evitato il tutto.

    Buona giornata Guido
  • Guido Ingenito il 11/06/2010 03:37
    grazie Lau, analisi perfetta, nient'altro da dire. la conta è riferita ai colpi di arma da fuoco che il protagonista sente in giro per l'università mentre è intrappolato nell'aula. ogni volta che sento parlare di quelle due stragi mi vengono i brividi (sarebbero tre, ma la prima è accaduta intorno al 1925 - comunque atroce).
    elefante: ho preso ispirazione dalla famosa metafora de "l'elefante dentro la stanza", ovvero un problema gigantesco che però nessuno sembra/voglia notare. questa però non è mia. è di Gus Van Sant. il film è appunto Elephant. atroce, bellissimo, tristissimo.
    (tu di che film stavi parlando?)

    grazie mille Lau, sei sempre grande

    Buonanotte

    Guido
  • Guido Ingenito il 11/06/2010 03:33
    grazie Nunzio, credo che il tuo commento sia più riferito alla vena che ho in questo periodo - non posso darti torto - spero ti sia piaciuto
    buonanotte e grazie ancora!
    Guido
  • Guido Ingenito il 11/06/2010 03:32
    grazie Michele, i tuoi commenti mi fanno sempre piacere, condisci il tutto con un pizzico di sana ironia mi dispiace ma finchè posso continuerò a correre - forse ti concedo una tregua nel weekend perchè non sarò a casa, però mai dire mai

    grazie mille
    buonanotte

    Guido
  • laura cuppone il 10/06/2010 23:21
    ... la conta credo si riferisca ai corpi...
    più che ai passi...
    oltre che forse essere il numero di gocce.. dell'. antidepressivo...
    due stragi davvero sconvolgenti..
    l'assassino adolescente
    di altri adolescenti
    un border superato
    al punto del non ritorno..

    le componenti credo siano riferite alla compulsività verso la famiglia e le aspettative
    grandi o esageratamente esasperate da personalità problematiche e sole.
    ...
    un tema forte...

    .. l'elefante..
    mi ricorda il pezzo di un film
    ma in quello il ragazzo che non era riuscito a costruire un elefante per una prova di fisica aveva cercato di farsi del male e non di farne...
    ma il film era"leggero"..
    non aveva bisogno di sconvolgere per dimostrare un disagio...
    ma lo trasmetteva... tutto.
    e qui perchè??

    interessante... e soprattutto.. hai nominato H!!!!!!
    grande H!!

    ok.. la smetto!

    Lau
  • Anonimo il 10/06/2010 22:51
    Come il magma fluido a volte prepotentemente emerge a formare creste, pinnacoli, rupi, così i pensieri a volte hanno bisogno di concretizzarsi, anche in forma libera.
    L'importante è avere quel fuoco dentro, senza il quale...
    Comunque bello... OK
    Ciao
  • Michele Rotunno il 10/06/2010 22:11
    Psichedelico.
    Ultimo avviso. Vai a leggere il cronologico e dimmi quanto tempo è passato dal mio ultimo commento?
    Ti prego, fammi respirare. Mi era appena venuto uno spunto, ho dovuto interromperlo per leggere la tua ultima.
    Ultimo avviso: ti cito per danni artistici.
    Adesso fa il bravo e dormi che mi devo concentrare su ser Guittone.
    Notte!!!!
  • Guido Ingenito il 10/06/2010 22:01
    grazie Paolo, ho capito il tuo commento. Spero che questa atroce "cosina" ti sia comunque piaciuta.

    Guido
  • Anonimo il 10/06/2010 21:54
    Non me la sento di dire nulla, eppure trovo scortese non lasciare un'impronta del mio passaggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0