PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intreccio tra il bene e il male (terza parte)

La giornata stupenda era ormai finita, loro tornarono a casa, andarono a letto e Gaia chiudendo gli occhi ricostruì serenamente con la mente le immagini della giornata, rivivendo ogni attimo di emozione.
La vita continuava e il giorno successivo, mentre Michele riprese a lavorare, la piccola Gaia a casa si sentiva sola e trascurata anche dalla famiglia che dormiva, lavorava o era in giro. Così decise di raggiungere lui al lavoro. Lo salutò con un sorriso e lo stesso fece lui, ma poi spezzò l'armonia, perché era impegnato e le chiese il motivo della sua visita. Lei rispose: "Avevo bisogno di parlare con qualcuno mi sentivo tanto sola." E lui disse: "Non che mi dia fastidio la tua presenza, però non ho molto tempo da dedicarti come vedi, sono molto occupato." Lei un po' dispiaciuta aggiunse: "Come posso svegliarmi alla mattina aspettando che arrivi la sera, dammi un consiglio per togliere la noia e la depressione." Lui disse: "Perché non ti cerchi un lavoro? Se t'impegni a fare qualcosa non penserai più ai problemi, distraendoti non sarai più depressa ed essendo in contatto con altre persone, non sarai più sola."
"Ma poi ci potremo vedere lo stesso?"
"Sicuramente!"
"Allora potrei chiedere al negozio qui vicino, mentre venivo, ho letto sul cartello: cercasi commessa.
"Mi sembra un'ottima idea."
"Ripensandoci però ho paura, non so se ce la faccio ad affrontare il mondo del lavoro da sola, non so se ne ho le forze e la capacità."
Lui cercò di infonderle fiducia dicendo: "Sono sicuro che se vuoi ce la puoi fare, lavorerai qualche ora al mattino, per non stancarti troppo. Il pomeriggio potrai dedicarlo a ciò che più ti fa piacere, immergendoti nella fantasia del mondo dei sogni, scrivendo e leggendo fantastiche storie. Addormentandoti poi verso sera, fra le braccia dell'amore." Così convinta dalle sue confortanti parole, andò al negozio.
Non era mai stata lì, ma appena entrata notò subito che era una panetteria con un arredamento elegante, di stile moderno e con colori sgargianti che colpivano gli occhi, mentre la gola era colpita da torte, biscotti, pizze, focacce e tanti altri cibi gustosi.
Si presentò come ragazza interessata al lavoro e scambiò qualche parola con la padrona, che trovò gentile perché decise di assumerla subito. Provò a servire qualche persona e fu piacevole, anche se era tanto emozionata e questo ostacolava il piacere.
Iniziò così per Gaia una nuova vita, ogni mattina si presentava al lavoro e giorno dopo giorno riuscì a conoscere molta gente, tra le quali ragazze della sua età, con cui iniziò a uscire nel pomeriggio e si divertiva dimenticando la noia e la tristezza.
La sera invece come desiderato, usciva sempre con lui e andavano frequentemente al bar, dove c'era la compagnia, ma purtroppo ci trovavano spesso il nipote della signora, che infastidiva la povera Gaia.

12

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • sara zucchetti il 14/06/2010 19:59
    Vai e concentrati che riuscirai ad arrivare al finale, se è un casino questo nel romanzo di Stefano ti perdi!
  • denny red. il 14/06/2010 15:23
    sara, qui è un bel.. casino.. la partita.. è ancora tutta da giocare.. troppe persone vicino.. a questa gaia, passo al 4 capitolo.
    ciao sara
  • sara zucchetti il 12/06/2010 10:54
    Ciao Indovino! sì, qui l'ho messo in parti più piccole, me l'hanno consigliato, e sembrano interessati. Oggi metto un altra parte vedrai tu non ti dico nulla...
  • Stefano Galbiati il 12/06/2010 10:18
    Ciao Sara... queste parti sono più brevi rispetto a quelle che hai messo su net, penso che finirò di leggerlo qui Questa parte è ottima e la suspence c'è davvero... ora, come dice Robi, c'è bisogno di sapere cosa sia Michele, anche se ho pochi dubbi al riguardo
    Stai delineando molto bene il personaggio di Gaia, brava!!!!
    Un bacio
  • sara zucchetti il 11/06/2010 21:28
    Grazie Antonino un riassunto è difficile leggilo tu che ti emozioni di più! Non ti fidare troppo il pericolo c'è ma lo sai che io adoro il lieto fine!
  • Anonimo il 11/06/2010 20:03
    Ehm... io mi son perso le puntate precedenti Un piccolo riassunto?
    Questo è ben scritto e promette bene 5 stelle
  • sara zucchetti il 11/06/2010 19:44
    Lo saprete presto amici... allora sono riuscita a creare un po' di suspance!
  • Roberta P. il 11/06/2010 17:38
    Eh... ora però vogliamo sapere se Michele è innocente o colpevole.
    Attendiamo... Ciao!
  • Anonimo il 11/06/2010 14:34
    Il giallo continua... la storia si fa interessante... forse Michele è innocente, mah? forza, pubblica presto il quarto capitolo. Ciao.