PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Antichrist III

L'ultimo volo è stato una vera deflagrazione. L'ultima caramellina una rivelazione. L'uomo che avrei voluto incontrare da sempre l'ho incontrato stanotte. Sento ancora il suo odore.. dentro.. ovunque.
L'Antichrist é la bolgia delle bolge. Quel dj deve aver fatto un patto col demonio in persona perché è riuscito a farmi sciogliere anche dalle ultime paranoie.
Non mangio da tre giorni. Da quando ho conosciuto Gerald, sempre qui, all'Antichrist. L'avevo notato altre sere ma non ero riuscita a conoscerlo... Qualcuno mi aveva detto che riusciva a sollevarti lo spirito, ma non puzzava di spaccio, piuttosto era affascinante e ha avuto i coglioni di difendermi da un'idiota pervertito e ubriaco che mi si era attaccato al collo.

È stato lui a darmi quelle maledette- benedette caramelle. Lui che mi ha assicurato che mi avrebbero fatta sentire un'altra, che mi avrebbero dato una forza speciale, un potere speciale, un sorriso speciale.
E ho sorriso...
Non ricordo come, quando.. ma l'ho fatto stanotte e quell'uomo mi ha vista. Quell'uomo che stasera mi si é piantato di fronte... seduto al bancone del bar, solo e maleddettamente malinconico, ambiguo, scuro. Si, mi ha vista ed io lui.
Siamo andati in uno squallido cesso, col rimbombo della musica nello stomaco, con i colori spruzzati negli occhi da luci tenui alternate a secchiate di lampi.

Avrei avuto una crisi se non avessi ingurgitato la magia.

In quel bagno ho visto il suo sangue, colorare appena le piastrelle verde acido(?) di rosso. Lo perdeva da una piccola ferita al polso.
È stato allora che ho capito che era lui che cercavo perché il mio secondo e lunghissimo orgasmo aveva già il suo nome.
Però era troppo fatto aveva anche bevuto troppo così è andato via presto, troppo presto.

Volevo assicurarmi che non mi avesse dimenticata, aveva appena preso un taxi, così l'ho chiamato, non ce l'ho fatta e l'ho chiamato!
Cazzo è stato spontaneo come leccare un gelato, dirgli quelle cose, dirgli la verità, senza vergogna, eccitata, sconvolta col cuore a mille, con una sete maledetta.
Perfettamente in sintonia mi ha risposto cercando di contenersi, ma si sentiva lontano un miglio che avrebbe voluto scoparmi ancora e ancora e ancora.

Gli ho parlato di Gerald, gli ho detto che lo avrei visto per un nuovo "volo", che avremmo provato ancora quelle sensazioni, gli ho detto che avrei anche fatto qualcosa di grande prima o poi... forse irrompendo a casa mia a sorpresa e prendendo a martellate nei testicoli il mio cazzo di patrigno merdoso, quella specie di microcefalo, sempre ubriaco come un cencio, sempre arrapato come un porco, sempre a girare intorno a mia sorella, che se solo ci penso stanotte lo ammazzo davvero così ce ne liberiamo tutti, così non mi toccherà cercarmi un lavoro qualsiasi come una cagna per un osso.

Gli ho parlato, ma lui non mi ha ascoltata.

Gli ho detto che ci saremmo sentiti domani, che domani è già oggi, ma evidentemente non ha resistito.
Mi ha scritto poco fa, un sms col suo indirizzo. Voglio rivederlo subito ma voglio sentirmi leggera anche, come prima.

Tra poco Gerald e le sue caramelline dolci e subito il mio sorriso tornerà potere e andrò a quell'indirizzo...

E forse Chiara e un uomo faranno l'amore stavolta.

Forse mi farà volare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • denny red. il 18/06/2010 15:44
    ok laura c. andrò a leggerli..
    ok laura c. ho capito.. chiamo una tassista!! vai tranquilla!!
  • laura cuppone il 18/06/2010 13:22
    ps.. hanno lo stesso titolo!!!!

    Lau
  • laura cuppone il 18/06/2010 13:22
    Dennyyyyyyyyyyyyyy!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    no, il tassista noooooooooooo!!!!!!!!!!

    (leggi gli altri tre, uno di Antonio Monteleone, uno di Guido Ingenito e il quarto nell'ordine, dopo questo, di Michele Rotunno... vedrai ti piaceranno molto... e vedrai che il tassista non lo chiami!!!)


    sei troppo carino denny, grazie davvero

    Laura C.
  • denny red. il 18/06/2010 03:58
    una chiara.. notte d'inferno. tra demoni.. e strisce di angeli.. bianchi, e morsi di piacere.. l'ultima chiamata... il tassista.. fatto.. urla nella notte chiara: alla prossima serata ti porto in paradiso.. e fu amore, per sempre! Laura c. che racconto!!.. chiaro limpido puro, ragazzi.. qui si vola.. laura c. sono sconvolto.. dopo aver letto: osservo! qui laura c. mi sa che non mi riprendo più... devo chiamare un tassista...
    brava!! ben scritto! molto chiaro!!
  • laura cuppone il 18/06/2010 00:41
    Anto!!! colui che tagliò il nastro della partenza, colui che diede vita alla saga a tante mani...
    grazie grazie e ancora grazie per tutto quanto!!!
    sei bravo e apetto di leggerti sempre!!!!!

    bacino
    notte
    Lau
  • antonio monteleone il 17/06/2010 18:57
    eccola qua la nostra chiara... brava laura, l'hai resa viva e piena di sfumature,..
    visto chje ha avuto successo...
    ciaooooooo
  • laura cuppone il 17/06/2010 15:14
    grazie Paola!!!!
    lo pensi davvero?
    sono digiuna di racconti, una novellina e ricevere un tuo complimento é davvero un sospiro di sollievo!
    Lau
  • laura cuppone il 17/06/2010 15:12
    grazie Guido!
    ... sono contenta diciamo di aver scritto un po' bendata, alla cieca, e un po' di "pancia".

    grazie davvero artefice alchemico.
    Lau
  • Paola B. R. il 17/06/2010 15:03
    Bravissima!!!!! Un'ottima Chiara in linea con gli altri e un notevole background!!!!

  • Guido Ingenito il 17/06/2010 13:48
    babooooom!!! viva questa chiara, magnifica creatura della notte che si nutre di eccessi e sogni! Lau, a prescindere dal progetto che c'è dietro, questo tuo racconto è stupendo!!!

    Guido
  • laura cuppone il 17/06/2010 13:04
    ma dai???
    fa come senti... se vuoi risparmiarla CHIARA...
    devi prendermi.. però prima
    ce la farai?
    .. e poi il tassista è amico mio!!!
    Antoooooooooooooo!!!!!!!
  • Michele Rotunno il 17/06/2010 12:05
    Laura, mi è venuta vpglia di intervenire in questo rebus. Ci sto pensando da una decina di minuti. Se va in porto e riesco a ultimarla prima che il trambusto mi invade la casa la pubblico. Però, forse, ti risparmio.
    Ciao.
  • laura cuppone il 17/06/2010 11:42
    beh, Michele, che ti posso dire?
    LA VERITà???
    non metto piede in una discoteca da tempo immemorabile...
    forse qualche locale, ma pub o altri posti sicuramente e totalmente diversi.
    Non sono "aggiornata" sull'argomento che da letture di autori giovani (gli altri due matti che hanno scritto gli altri due romanzi brevi di Antichrist ) o cronache purtroppo vere... di certe vicende... Non ho nemmeno intenzione di andarci, ora più che mai, sarei un pesce fuor d'acqua e magari mi farebbero ribrezzo o incavolare troppe cose.

    e poi lo slang usato, i cocktail mai sentiti... cose da ingoiare... io sono rimasta all'aspirina...
    che faticaccia!!!
    non ho studiato...é stato istinto... anche perchè non è il mio genere...

    esperimento!!! gioco...

    Morsicato???
    morsicati... visto che anche il tassista ha la stessa feritina...
    mah.. Chiara l'ho sentita così...
    chissà...

    ciauuuuuuu e grazie inifinite!!
  • Michele Rotunno il 17/06/2010 11:21
    Ma in quanti eravate in quella bolgia? Vi siete dati tutti appuntamento lì? Vabbé Gustibus non disputandum est però una cosa non mi è chiara: il polso a quello strafatto chi l'ha morsicato?
    Laura, un consiglio, non andarci, non immagini cosa troverai. Noi lo sappiamo già.
    E adesso continuate a spremervi le meningi che mi sto divertendo un sacco.
    Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0