accedi   |   crea nuovo account

Un giorno vedrai (terza parte)

Fiordiluna ricordando la frase della fata Amorina (il drago può essere calmato dall'amore) disse: " Suonate una canzone, è nato l'amore". I canterini non esitarono e una nota dopo l'altra una dolce canzone vibrava nell'aria; il sorriso era su ogni viso, ma in un attimo si vide del fumo. Spaventato Eric, andò a vedere. Era il drago arrabbiato che infuocava l'isola. Il fuoco arrivò fino alla spiaggia e Fiordiluna, che era scappata dentro la grotta, si trovò in pericolo, non respirava per il fumo ed era imprigionata.
Eric disperato cercò di salvarla, ma entrando nel fumo non vedeva niente; intanto Fiordiluna spaventata dal fuoco ardente che si avvicinava entrò nella grotta sempre più in profondità.
Eric uscì dalla grotta e non sapeva più che fare: ormai non aveva più speranza, appena trovato l'amore, l'aveva già perso. Piccole lacrime di dolore cadevano dai suoi occhi, ma lui non sapeva che Fiordiluna era ancora viva e camminava nella grotta, più andava avanti e più aveva brividi di paura, ma fermarsi era una scelta peggiore.
Intanto il mare portava onde grosse come cavalloni, dalle creste imbiancate di schiuma e nel cielo si scatenavano lampi e tuoni. I canterini cercavano di aiutare Eric consolandolo e aspettando, a riparo dalla pioggia, che finisse la tempesta.
Finalmente finì e venne fuori l'arcobaleno; Eric decise di andare a cercare Fiordiluna, ma le rocce cadute avevano chiuso la grotta. Distratto dai pensieri non si accorse che aveva vicino una farfalla rosa. Era la fata Amorina, che poi diventò persona e disse a Eric di non buttarsi giù, ma d'avere speranza, perché nella vita in qualsiasi problema ci vuole sempre speranza, tutto si può risolvere. Eric spiegò il problema alla fata e lei pensandoci bene si ricordo che la grotta aveva un'altra uscita nel centro dell'isola. Doveva scavalcare le montagne, anche se Eric non era molto bravo, riusciva più a navigare che a scalare le montagne però per salvare Fiordiluna, poteva fare questo e altro.
Così si preparò per partire e la fata gli disse: "prima di andare via prendi la freccia d'oro e l'arco che scivola giù dall'arcobaleno". Eric era dubbioso e disse: " Io non voglio ammazzare nessuno" . La fata gli rispose: "Non lo farai, la freccia che lancerai, romperà il ghiaccio nel cuore del guardiano prepotente, così diventerà buono. TI darà la chiave per aprire la cascata del ruscello e prendere il diamante". Dopo un po' si sentì un rumore: "Ecco la freccia" gridarono i canterini. Eric la prese al volo e poi partì.
S'incamminò per il primo sentiero e poi cominciò ad arrampicarsi sulle rocce con la forza delle braccia e delle gambe. Arrivò dopo mille ostacoli e stanco in cima alla montagna, finalmente vide un po' di erbetta verde dopo molto terreno roccioso e dietro le spalle c'era uno spettacolo stupendo che era il mare e tutto il panorama dall'alto. Si fermò solo qualche secondo per riprendere fiato, perché non aveva tempo, doveva trovare Fiordiluna al più presto, così s'incamminò per il sentiero che scendeva dall'altra parte della montagna.

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • sara zucchetti il 23/06/2010 19:20
    Grazie denny sono contenta che ti piace e lo hai letto attentamente provando emozioni come ho fatto io scrivendolo! Questo è il secondo racconto che ho scritto e c'è il massimo della mia fantasia!
  • denny red. il 23/06/2010 15:32
    sara è bellissima questa parte del racconto, la fata amorina gli dona l'arco baleno con la freccia doro, la cascata la grotta il buio, eric con tutta la sua forza.. ora bisogna trovare l'albero dell'impiccato.. sara, bellissime immagini.. che bello, sara, passo al 4 c. BRAVISSIMA!!