PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Follia di vita sul 716

Un uomo parla con se stesso:

"oh, domani annamo ar mare
porta tu' moje"
"mi' moje me tradisce co' Zingaretti"

"oh, cc'ho a cabrio che è 'na favola"
"scegli, o tu moje o a cabrio"
"scergo a cabrio

a machina nun te tradisce
ar massimo, si se ferma
jje metti 'npò de benzina, edè fedele come prima."

Fine della corsa, le porte si aprono
tutti scendono.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Dino Borcas il 16/08/2010 21:57
    Zingaretti sorride mentre sfreccia verso il mare,
    e che musica il motore della cabrio,
    finalmente la moglie di quel tipo gli aveva portato le chiavi...
    Cosa non si farebbe per una cabrio...
  • Anonimo il 30/06/2010 10:36
    Che bella! Originale e autentica nella sua semplicità. Bravo.
  • laura cuppone il 28/06/2010 11:05
    carino
    .. cammello o moglie? mi ricorda i baratti nelle barzellette e anche purtroppo gli scambi nella realtà...

    scusa ma l'auto sempre mezzo é...
    ah, se solo si potessero sposare le auto!

    Laura
  • Guido Ingenito il 26/06/2010 18:47
    non mi ha fatto impazzire, ma capisco il tuo stile. ha ragione Anna, ci sono ironia e tristezza, entrambe si pareggiano, dando così vita alla follia.

    Guido
  • Anna G. Mormina il 26/06/2010 18:02
    ... questo genere di discorsi, viene fatto in ugual misura dagli uomini e dalle donne (quando una tradisce, lo fa con uno e viceversa...)
    In questa tua "Follia di vita sul 716" vedo ironia, tristezza... scritto molto bene, bravo Pasquale!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0