PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gelidi morsi[PARTE II]

"Caro diario,
questa notte mi parla di nuovo di lei.
Il suo dolce profumo, quegli occhi grandi e innocenti...
Ah Isobel... Mi manchi dannatamente.
A volte il tuo ricordo, il tuo dolce viso viene a trovarmi in sogno ed è tutto così bello, così vero da sembrarmi reale e mi sveglio sorridendo, girandomi dal tuo lato nel letto ma tu non ci sei. Era solo un sogno. E i miei occhi si spengono di nuovo.
La felicità è per i puri di cuori non per quelli dannati come me.
E nonostante ciò, mi basta il tuo ricordo, i piccoli attimi che abbiamo passato insieme per essere grato della mia esistenza.
Mi basta anche la tua assenza che diventa presenza costante di notte, quando la mia anima si accende, quando tutto torna così nitido, così chiaro da far tornare il passato nel mio presente.
E ci siamo di nuovo solo io e te che passeggiamo al mare e quel sole primaverile che illuminava i tuoi occhi e il mio corpo era ancora caldo.
E il mio cuore batteva ancora.
E la mia anima era ancora qui.
Poi è volata via. Chissà dove...
Eppure a me piace pensare che ce l'abbia tu.
Che la custodisci tu, che è al sicuro dalle tenebre perchè ci sei tu a proteggerla...
Chi lo sa, magari è davvero così;infondo ti ho fatto un giuramento.
"Per sempre tuo; mente, corpo e anima. Eternamente noi". Riesci ancora a ricordarlo quel giorno? I ricordo le lacrime dolci che uscivano piano dai tuoi occhi perchè non eri mai stata così difficile. "Non voglio che svanisca mai, questa felicità..." È questo che mi dicesti guardando negli occhi e poi hai preso il mio viso nelle tue morbide mani e hai avvicinato le tue labbra alle mie. "Prometti" hai aggiunto.
"Ogni giorno della nostra vita amore mio. Te lo prometto."...
Avrei voluto davvero essere in grado di mantenere quella promessa.
Uno dei tanti rimorsi...

La notte chiama; è ora di andare.
Buonanotte dolce Isobel...

Eternamente tuo,
Lucas."



Ogni volta che penso a lei sono sempre di pessimo umore.
Mi manca e vorrei averla qui ma non c'è nulla che possa fare.

1234

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Paola B. R. il 06/07/2010 16:56
    Carino questo racconto, piacevole da leggere, brava!!!
  • Flowers night il 06/07/2010 16:06
    Annah la rivede a scuola! In questa parte ho raccontato un pezzo della vita di Lucas.
  • Guido Ingenito il 06/07/2010 15:18
    che fine ha fatto Annah? ma questo è un seguito del primo oppure la tua è una piccola saga composta da piccoli episodi?
    due racconti molto diversi. mi è piaciuto un pochino di più questo.

    Guido

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0