PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cosmogonia oscura

Oggi noi esseri umani siamo la specie dominante e con le nostre conoscenze e tecnologie abbiamo asservito la terra intera. In un tempo lontanissimo e ormai dimenticato però non era così. Quando il genere umano era ancora esiguo e legato ad una cultura ancestrale, altre forze governavano il mondo, forze che oggi chiameremmo soprannaturali. In quell'era esistevano creature che oggi sopravvivono solo nelle nostre favole, queste erano i prototipi di quegli antichi falsi dei che il mondo conosceva, e consistevano in varie razze: fate, elfi, folletti, gnomi, geni, ninfe goblin, leocorni, mostri, warlocks e molti altri. Alcune di queste creature erano buone e proteggevano il creato, altre invece erano malvagie e costituivano una seria minaccia; tutte vivevano accanto agli uomini di allora che come esse potevano essere figli della luce o delle tenebre. Così quell'antico mondo si trovava in una condizione di equilibrio, un equilibrio destinato a rompersi a causa di un evento catastrofico. Tra le creature soprannaturali vi era un antichissimo e potentissimo genio di nome Marlock, immensamente potente e malvagio, che era stato imprigionato in un vulcano spento dalle primigenie forze della natura per la sicurezza del creato. Un giorno egli trovò il modo di evadere grazie ad un meteorite che precipitò sul vulcano in cui lui dormiva causandone l'esplosione.
Tutte le altre creature soprannaturali buone o meno, si sentirono minacciate e decisero di mettere da parte le ostilità per coalizzarsi in un esercito contro di lui. Marlock sapendo di ciò scese nelle profondità del suo vulcano e prelevò del magma, lo mescolò al suo sangue e creò un potentissimo cristallo viola che lo rendeva immune a qualunque potere, e con quell'arma affrontò e sottomise le altre creature soprannaturali sbaragliando il loro esercito. Avendo accomodato i suoi simili Marlock mise gli occhi sui figli dell'uomo che lo attraevano perchè pur mortali in un mondo caduco possedevano un'anima ed erano capaci di scegliere fra bene e male, perciò decise di invadere il loro mondo. Tutti i regni di allora venivano ridotti in polvere al suo passaggio, e non c'era re, guerriero o sciamano che potesse opporsi al potere di marlock, così il mondo degli uomini stava per cadere. Ma venne un uomo da una regione imprecisata, una specie di eremita chiamato Ariel che in passato era stato duramente perseguitato, quest'uomo riportò la speranza ai suoi simili, predicando una dottrina di mitezza e compassione chiamata via del bene. Poi egli affrontò Marlock, gli strappò il cristallo viola e lo incenerì con un fuoco sacro. Tutto il mondo sbalordì perchè un solo uomo con la sua fede era riuscito dove tutte le creature soprannaturali avevano fallito. Rimaneva però il cristallo viola che poteva tentare gli uomini costituire un pericolo, così Ariel decise di dividerlo in dieci pezzi, dopo scelse fra i suoi discepoli i dieci più forti e migliori e li consacrò custodi delle dieci gemme. Ognuno di loro era immune alla magia e aveva un marchio sulla mano destra "una specie di stella calligrafa", tutti loro dovevano aiutare Ariel nella sua predicazione e prendersi cura dei poveri e dei malati. Così sulla terra tornò la pace. Un brutto giorno però Ariel l'eremita contrasse una malattia incurabile a quei tempi e la diffusione della sua dottrina conobbe un arresto. Prima di morire egli chiamò i suoi discepoli e rivelò loro che sarebbero stati duramente perseguitati, ma alla fine sarebbe arrivata una persona che avrebbe dissipato il male per sempre, detto questo spirò. Morto Ariel e venuta meno la via del bene Marlock ritornò in vita furioso per la sconfitta subita.

123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Guido Ingenito il 09/07/2010 14:29
    bellissima fiaba, davvero complimenti senza errori di nessun tipo.
    ci sarà una seconda parte?

    Guido
  • Anonimo il 09/07/2010 14:15
    letto tutto di un fiato... scritta molto bene... una ventata di freschezza nella assurda pesantezza di giorni inutili... bellissimo racconto che ti permette di evadere e di credere nel mistero di una realtà che nella sua essenza segreta emoziona ancora... 5 stelle lo trattengo... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0