PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

wake up on sunday

Il caldo torrido si posa sul mio letto. La stanza è una scatola rovente, un termos che mi fa da recipiente, ed io sono un liquido…denso…da conservare bollente.
Stringo tra le mani le mie tempie, intrise di sudore…grondano.
Osservo il soffitto bianco, così immacolato. Ha l’aria ingenua, chiunque potrebbe raggirarlo. Dovrei uscire, ma il letto mi tiene stretto a sé. Dovrei uscire, ma la porta mi sembra distante anni luce da qui. Vorrei che il mondo venisse a trovarmi, entrasse, aprisse lui quella porta perché non ho voglia d’andar fuori.
La noia, si accomoda placidamente al mio capezzale, neanche fossi malato, si accende una sigaretta e disegna cerchi di fumo nel vuoto, che si infrangono contro le pareti…. mi volto…non ho voglia di guardare.
L’armadio è socchiuso, sputa fuori qualche maglietta; accanto la libreria, immobile, costringe centinaia di libri a star fermi, costipati; probabilmente vorrebbero scuotersi, dimenarsi, sfogliare loro stessi le proprie pagine, per rinfrescarsi.
La sedia, nuda, non sembra soffrire il caldo. È seria, severa, quasi volesse rimproverarmi per averla abbandonata lì, trascurandola. Si sente tradita, ferita. È gelosa, perché preferisco trascorrere il mio tempo tra le lenzuola del mio letto…così sensuali, disinibite…provocanti.
La tv è spenta. Ha un aspetto inquietante. Sembra lei, ora, che guarda me. Sono io, ora, il suo programma preferito.
Il cestino mastica voracemente fogli appallottolati, uno dopo l’altro, ingordo…insaziabile…ha messo su qualche chilo ultimamente, ma sembra fregarsene.
Joey sorride, rinchiuso dentro ad un poster. Sembra ridere di me…beffardo…
Qualcuno può spegnere quel maledetto sole????.. anche solo per cinque minuti….
C’è un silenzio statico, inalterabile…mi manca l’aria.
Che ore sono?”mezzogiorno” - sussurra l’orologio. Mi alzo di scatto…oh mio dio…sono in ritardo e adess……“È domenica!!!!!!!” - grida il calendario aggrappato alla parete. Tossisce, ha l’aria stanca, dimessa: troppi giorni, troppi santi, troppi appuntamenti da tenere a mente.
Sono sveglio, finalmente. La tv non mi guarda più, i libri sono al loro posto, in attesa di essere sfogliati.
Joey sorride ancora, ma chissà per cosa.
Era tutto un sogno, o forse una visione, una splendida allucinazione. È il sabato notte, ubriaco, che ancora fa rumore.. ma lentamente si dissolve, muore tra le braccia del risveglio... nella quiete…di una domenica mattina.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Angela Lazzara il 30/08/2010 14:42
    complimenti! per il modo di scrivere semplice, ma d'effetto.. mi è piaciuta la parte finale..
  • Elena il 09/10/2006 14:47
    ... ma se l'Ozio è il padre, Morfeo è il figlio, fratello dello spirito santo dell'eremita. . . Un plauso alla vivezza delle immagini inetri!
  • armando pascale il 08/10/2006 13:49
    mi è piaciuto il tuo racconto. complimenti
  • Argeta Brozi il 29/08/2006 15:41
    Piaciuta : per la semplicità della penna, per la quotidianità del testo e per il tuo immedesimarti nelle cose della stanza, perfino nella vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0