username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lettera ad un amico

Non so bene da dove cominciare, trovare i termini adatti è veramente difficile.
La maggior parte delle persone, in casi simili, inizierebbe con un <<Grazie!>>, ma sarebbe troppo scontato e, per quanto mi riguarda, insufficiente. Quella sola esclamazione non è degna di rappresentare i miei sentimenti e ciò perché non esistono davvero parole in grado di farlo.
Mi sento così incredibilmente stupida in questo momento: scrivere una lettera che, una volta conclusa, con le mie stesse mani, ridurrò in brandelli per poi osservarli ardere tra le fiamme scoppiettanti mentre attendo che tu rientri a casa non ha proprio senso.
Eppure, sai, non è la prima volta che lo faccio.
No, non lo sai. E mai lo saprai. Così come non saprai mai cosa TU significhi per me.
Ad essere sincera, neanche io riuscirei a trovare una definizione esatta se mi chiedessero di parlare di te.
So solo che tu sei il mio salvatore, che a te devo la mia vita.
Sei la luce che, in una fredda notte d'inverno, inaspettata come un fulmine in un'afosa serata d'agosto, discreta come i primi raggi di sole mattutini che, insieme al pulviscolo luccicante, fanno il loro timido ingresso nelle nostre stanze anguste, quasi da claustrofobia, ma pur sempre NOSTRE, è riuscita ad infrangere lo spesso muro di tenebre che mi circondava.
Sei l'eroe che ha sconfitto tutti i mostri, me stessa in prima fila, che mi tenevano prigioniera.
Sei l'unica ragione per cui, quando la sveglia suona presto al mattino, non impreco più, ma ringrazio, sapendo che, appena aprirò gli occhi, incrocerò il tuo sguardo, oceano cristallino in cui amerei perdermi, e tu, stanco per aver vegliato su di me per tutta la notte, ricambierai il mio sorriso, regalandomi il più splendente dei tuoi.
Adesso, però, le parti si invertono: sono io che ti osservo mentre dormi. Accidenti, quanto sei buffo! Quasi quasi faccio un salto al piano di sopra per prendere la fotocamera...!
Ma no, tranquillo! Non lo farei mai, era solo uno scherzo! Sai quanto amo scherzare, ora. E tu, in questo, sei stato un grande maestro. Mi hai insegnato a ridere, a ridere sul serio! A farlo, insomma, per citare gli psicologi, <<non con la testa, ma con la pancia>>. Così, senza pensarci su, come dovrebbe essere.
Sembra davvero incredibile che due perfetti sconosciuti possano, in breve tempo, diventare indispensabili l'uno per l'altra. Perché tu, per me, lo sei. Sei come l'aria che respiro, come il sangue che scorre nelle mie vene...
Sei, ormai, parte di me. La parte migliore, nessun dubbio in questione.
Per quanto possa suonare ridicolo, nonostante tu sia lontano anni luce, io riesco a sentirti, sai. Sento quando sei triste e il mio cuore piange con te; sento quando sei felice e la tua gioia pervade anche la mia anima.
Nemmeno il fatto che, anche a me, venga un mal di testa insopportabile quanto la tua emicrania si fa viva è da sottovalutare!

123

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Rita Cancedda il 16/04/2012 23:38
    Vi ringrazio tutti! Sono davvero felice che la mia lettera vi sia piaciuta
  • bruna lanza il 15/04/2012 15:20
    questo è puro amore, non sarà eterno ma sarà reale per il tempo del suo esistere
  • Vincenza il 10/01/2012 13:28
    bellissima e commovente
  • ELISA DURANTE il 28/05/2011 18:56
    Molto bello e coinvolgente!
  • Rita Cancedda il 28/09/2010 22:12
    Grazie a tutti per i bei commenti! E chissà, Marysun, magari, una sbirciatina alla prossima lettera potrà dargliela...
  • Giuseppe Tiloca il 30/07/2010 19:19
    Questa lettera è infinitamente significativa, questa persona ha segnato la tua vita, ma come volte succede, questa persona non c' è più. Rimane un cumulo di cenere caldo, da cui può rinascere vita.
    Brava
  • Paola B. R. il 12/07/2010 12:09
    Brava!!! Scrivi molto bene...
  • Marysun... il 11/07/2010 23:10
    Sono parole così belle che darle in pasto alle fiamme sarebbe un vero peccato... io gliela farei dare una sbirciatina alla tua lettera bellissima e coinvolgenete! un fiume in piena di emozioni!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0