PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

MALINCONICA RILFESSIONE

Di me rimarranno solo poesie,
non riesco a costruirmi una professione
forse devo abbandonare le mie doti artistiche campate per aria e cercare un lavoro "comune". Allora lo so che mi dileguero' tra la folla fredda metropolitana, silenzioso il mio dolore di non riuscire morira' soffocato nel mio cuore, qualcuno forse si accorgera' solo dei miei occhi tristi...
ma quanti volti tristi scorrono ogni giorno sotto il nostro sguardo?
l'importante, vedo, non e' essere felici l'importante e' sopravvivere finche' saro' in questo gelido mondo.
La mia fortuna e' amare ed essere amata ma purtroppo non basta per vivere qui.
Evadere dalla citta' o evadere dal mondo?
sono prigioniera di un mondo che non mi piace e che non saro' io a cambiare, passeranno secoli e nel mondo ci sara' sempre qualcuno che muore; di poverta o di guerra,
per non andare troppo lontano: qualcuno che muore di solitudine, qualcuno depresso, qualcuno semplicemente di vecchiaia o di malattia a volte tutto finisce senza che sia mai iniziato e a noi non appartiene neppure la nostra vita ma tutto a un senso se lo viviamo con il sorriso nel cuore,
allora non importa se stai bene o stai male, se sei povero o ricco, giovane o anziano se sei felice non ti senti prigioniero, sei libero!
Chiedo perdono a tutte le persone che posso aver turbato nella mia malinconica riflessione e a chi si chiede dove nasce la mia malinconia,
malinconia per che cosa?
non parlo di nostalgia ma di quel sottile strato di tristezza che riveste un cuore pieno di sogni che non si realizzano mai
ospito nel cuore un amore cosmico ma il mondo soffre e tanta indifferenza lo riveste chi sono io per giudicare o per avvalermi dei suoi dolori?
io mi dileguo tra la folla metropolitana e sono solo quel volto triste che incroci ogni giorno.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • eleonora il 25/05/2014 21:07
    nella vita non si ha mai un solo sogno, e non bisogna soffermarsi troppo su ciò che non riusciamo a realizzare ma concentrarsi su ciò che stiamo realizzando. nessun passo è sprecato, a volte la strada da percorrere è più lunga ma quando siamo pronti arriviamo dove dovemmo essere.

5 commenti:

  • Raffaele Giugliano il 12/08/2008 16:21
    La vita e' imprevedibile. Un giorno ti svegli e ti rendi conto che sei riuscita a realizzare qualcuno di quei sogni. Ti auguro che ti capiti di vivere un'emozione simile
  • Ivan Benassi il 21/08/2007 21:22
    Scorrevole, elegante, malinconico. Il racconto é bello, se é una riflessione "rubata" andrebbe discussa, perché interessante. Ciao.
  • Maurizio Triolo il 06/12/2006 20:05
    Il mondo è pieno di situazioni simili a questa, allora anzichè tormentarsi bisognerebbe affrontare con coraggio le proprie esigenze e essere pronti ad eventuali delusioni. I sogni migliori si avverano quando non li facciamo, auguri.
  • Argeta Brozi il 12/08/2006 13:23
    Sì, decisamente. Semplice nel linguaggio, lascia persino l'amaro in bocca, ma piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0