PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Escafandra

Ogni nostro pensiero, ogni nostra parola, ogni nostro verso, è il simbolo ineluttabile della nostra esistenza, così priva di certezze, in verità, che Escafandra viaggia ininterrottamente alla ricerca di particolari segni, di conferme, di sicurezze per rendersi il più stabile possibile rispetto al mondo che la circonda. Ogni qual volta, però, che giunge alla meta desiderata, tende a cercarne altre per rimanere in equilibrio con il mondo mutante tanto quanto la sua vecchiaia. E, allora, ecco che si formano, come per miracolo, storie di persone, di posti, di alberi e case, di paesi immaginari immersi nel vuoto. Ad ogni pezzo di legno la sua storia, ad ogni uomo la propria certezza d'esistere!
Siamo solo aggregati di atomi, siamo solo gocce di vento in un miracoloso, gigantesco universo. Così piccoli che se ci rendessimo conto della nostra microscopia ci sentiremmo inesorabilmente stupidi per non aver ascoltato il cuore degli altri prima del nostro o per aver sottovalutato il nostro per quello degli altri, perché... credetemi! Le gocce di vento avrebbero, in realtà, una potenza devastante se solo si rendessero conto di chi sono. Ognuna di esse può spazzare via un intero diluvio, può spostare il sole o far nascere arcobaleni, e non oso nemmeno accennare di cosa possono fare se unite tra loro!
Escafandra, come tutti, è una goccia di vento e, per questo, il suo viaggiare non ha fine, ma, attenzione, lei viaggia solo per se stessa, anzi, lei viaggia per colmare le proprie insicurezze, mutate in paure col mutare del tempo!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 24/07/2010 14:49
    Interessante concetto da approfondire... curioso il nome Escafandra. Ben scritto... io avrei messo una virgola prima e dopo la frase..., se ci rendessimo conto della nostra microscopia,... ma è solo una scelta di sospensione del periodo. Ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0