accedi   |   crea nuovo account

Spero solo che esista il Paradiso

Non camminava. Lei conduceva la sua strada, i suoi passi erano indipendenti da ogni altra cosa. La sua volontà l'aveva resa una persona spontanea, gridava la verità in modo così forte che gli altri ne avevano paura. Eppure, ecco, lei non si legava a nessuno, perché dagli altri prendeva solo il meglio e poi li lasciava liberi di andare. Tirava fuori dagli uomini la loro parte migliore, senza pretendere nulla, il suo sorriso parlava con tutti e non chiedeva nulla.
Adesso giace qui, il suo ricordo scolpito in una lapide di marmo bianco, sotto il salice piangente che la ripara dal caldo afoso, e si abbevera alle acque del piccolo torrente. Nessun verme ha divorato il suo corpo, i ragni non le hanno intessuto nessun abito. Il suo corpo bruciato é stato sparso nel vento, insieme alla risata che le aveva arrossato il viso. Sono qui, coricato sull'erba, di fianco al freddo del marmo. Non mi ricorda per niente lei, la sua pelle candida era cosparsa di piccoli nei, e si arrossava quando la abbracciavo forte a me. E poi era calda, sempre. E quel calore adesso se n'é andato chissà dove.
Spero solo che esista il Paradiso, per poterla riguardare e tuffarmi nei suoi occhi.
Spero solo che esista il Paradiso, così il suo cuore non si sarà fermato invano, così i suoi baci saranno di qualcuno Lassù.
Spero solo che esista il Paradiso, così, almeno per una volta, potrò dirle: "Hai visto, avevo ragione io!".

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 15/03/2014 09:44
    mi spiace Ethel, ma penso proprio che hai torto anche stavolta
  • Dino Borcas il 22/11/2010 13:35
    Allora Almitra parlò dicendo: Ora vorremmo chiederti della Morte.
    E lui disse:
    Voi vorreste conoscere il segreto della morte.
    ma come potrete scoprirlo se non cercandolo nel cuore della vita?
    Il gufo, i cui occhi notturni sono ciechi al giorno, non può svelare il mistero della luce.
    Se davvero volete conoscere lo spirito della morte, spalancate il vostro cuore al corpo della vita. poiché la vita e la morte sono una cosa sola, come una sola cosa sono il fiume e il mare.
    (Kahlil Gibran)
  • Giulia Felici il 07/08/2010 15:42
    A dir poco favoloso! Ho sempre amato il tuo modo di scrivere e la tua capacità di trasmettere emozioni... e non preoccuparti, dopo aver letto questo racconto breve, non mi dimenticherò mai del tuo desiderio! Sei grande...
  • Ethel Vicard il 30/07/2010 10:04
    grazie di cuore =)
  • Carla Maselli il 30/07/2010 09:02
    desrive molto bene un sentimento e trasmette una forte emozione, triste ma intensa.
    complimenti!
  • Paola B. R. il 28/07/2010 12:41
    Molto bello...
    pieno e profondo
    di sentimenti!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0