username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una nascita

Marzio segue attento e silenzioso appoggiato al muretto di pietre chiare, ciuffetti d'erbe capricciose sporgono dalle fessure. Con attenzione il suo sguardo si posa sulla donna che china prende acqua nel secchi dalla vasca grande. Ricorda ancora l' immagine di due donne nude immerse nell' acqua sulfurea, intente a lavarsi vicendevolmente. Silenziose e decise nei gesti antichi dal sapore di una danza ancestrale. La donna incinta lasciava che la cura della compagna la coprisse di sensazioni dolci, fatte di tenerezze, di giochi d' infanzia. Marzio, il corpo teso come a cogliere il tutto, si apre estendendosi per catturare nell'acqua i teneri segreti. Luna osserva chiusa nel suo liquido prenatale, appena un po'di chiarore, ma da dove? La sospensione incerta nell' alimento acqua adesso la sommerge con il suo peso sovrastante:è come un soffocamento lento, graduale. Bisogna rompere la gelatina ed emergere verso uno spazio immenso! Luna esce libera e improvvisamente uno sguardo la cattura. Mai nella vasca grande si era verificata questa nascita.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • marilena il 31/07/2010 15:21
    pensa Giuseppe che si tratta di una nascita di una bimba generata da un uomo, avevi colto questa magia? ti ho letto e mi piace ciò che scrivi e come scrivi, grazie
  • Giuseppe Tiloca il 31/07/2010 09:59
    bel racconto, una nascita mai verificatasi in un luogo così bello che m iimmagino. Già l'erbetta, fa venire i brividi, e l'acqua sulfurea calore emana.. Una nuova nascita, e chissà se scriverai il continuo..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0