PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non fa freddo

Tre bicchieri di vino rosso, di quello buono, invecchiato fino al limite ed estratto da uve fin troppo mature.
Una barzelletta sconcia.
Risate.
La radio è accesa e trasmette canzoni sconosciute.
Nel cielo la luna brilla solenne, accarezzata da stelle che chissà da quanto tempo non sono più lì.
Quanti siamo?
L'ennesimo brindisi prolunga il divertimento di una serata che ha senso grazie alla nostra voglia di vivere.

Un rumore.
Qualcosa più di un rumore.
Un rumore bagnato.
Sta piovendo.

Il diluvio investe ora il gazebo.
L'estate...
Godiamo della frescura che questa pioggia ci regala.
I cavalli impazziscono nel maneggio e i cani scappano dal cortile senza abbaiare.
Non fa più caldo. L'aria è secca, quasi tagliente. Ma non fa freddo, no.
Pozzanghere porpora riempiono il prato. La densità aumenta. Queste macchie di colore sono mitragliate da un cielo che non ne ha mai abbastanza.
Un bicchiere di vino.
Nessuno trema, tutti hanno paura.

La pioggia è porpora.
Scherzo della natura o delirium tremens collettivo?
Risate. Facce perplesse. Nessuno parla, tutti si ascoltano.

Paura di cosa?

È pioggia.
Soltanto pioggia.
Porpora.
Non è cominciata la guerra atomica. È solo un dispetto del cielo, la burla di una natura che ogni tanto si concede lo sfizio di rompere la monotonia quotidiana.
Piove poco, a catinelle, diluvio, pioggia acida, tempesta, temporale estivo. Oggi vi mostro la pioggia porpora. Vi piace?

Non sappiamo.
Non lo sappiamo.
Forse non siamo pronti.
Forse siamo troppo intelligenti.

Uno sguardo verso lassù. Non c'è nemmeno una nuvola. Neanche una piccola piccola, di quelle che si notano solo dopo aver scrutato lo spazio per qualche ora.

1234

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Guido Ingenito il 06/09/2010 21:53
    grazie medina e grazie silvia un bacione a tutte e due e ringraziamenti di cuore
  • silvia giatti il 01/09/2010 17:48
    sei bravissimo *.*
    con questo commento rischio d far la poppanta... ma davvero... un viaggio, evocativo al massimo..
  • Anonimo il 25/08/2010 19:56
    Eh no, sicuramente non era solo marjuana
    Bel viaggio complimentoni
  • Guido Ingenito il 18/08/2010 12:27
    grazie a tutti, questo è uno di quei racconti scritti "di getto". Sono entusiasta che il risultato sia stato apprezzato
    un abbraccio a tutti
    Guido
  • Salvatore Cipriano il 17/08/2010 18:31
    È come un sogno, pieno di emozioni e paure recondite.
  • Anonimo il 13/08/2010 17:16
    Fantasie e visioni frutto di fervida immaginazione. Bravo Guido!
    Buon ferragosto!
    ciao.
  • Carla Maselli il 13/08/2010 12:46
    il tuo racconto mi ricorda quei sogni misti ad incubi, pieni di affanni, momenti vuoti e momenti di gioia e di disperazione convulsi, si legge con trepidazione e desiderio di comprendere cosa sta succedendo!
    bello
  • Anonimo il 13/08/2010 12:35
    Ottimo Guido, davvero ottimo! Finalmente provo qualcosa leggendo... era molto che non succedeva.
  • Anonimo il 13/08/2010 12:30
    racconto favoloso per originalità... poesia e prosa si sposano a meraviglia in emozioni convulse frenetiche che ti portano a meditare sul caos della tua vita... assolutamente da trattenere
  • Michele Rotunno il 13/08/2010 11:46
    Racconto allucinante ma scritto con cinica freddezza.
    Ecco il ritorno del guerriero.
    Ciao Guido.
    Miche

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0