accedi   |   crea nuovo account

Incanto in un mattino di piena estate (Prima parte)

Era una splendida giornata di agosto, davanti a lui una distesa di sabbia lettini e sconosciuti che vivevano quello stesso giorno ognuno a proprio modo.
Mauro guardava davanti a sé senza prestare troppa attenzione assente e un po' distratto, i suoi due cuccioli giocavano tranquilli sulla sabbia accanto a lui, le sue ferie erano appena iniziate e voleva solo rilassarsi.
Non era stato un anno facile, parecchi problemi sul lavoro e alcune difficoltà economiche avevano accentuato una condizione di stress che viveva quotidianamente nella sua vita di coppia, ma ce l'aveva lui una vita di coppia?
Non era felice Mauro da quel punto di vista, un matrimonio riparatore lo aveva ingabbiato poco più che ventenne in una relazione che, giorno dopo giorno si era logorata a tal punto che ora non aveva più vie d'uscita, e la sua gabbia si faceva ogni giorno a poco a poco più stretta.
Ma sopportava Mauro a stento e con rammarico sapeva di dover essere lì, la tranquillità delle sue due gioie glielo imponeva. Aveva anche provato per un po' a vivere una serena relazione amorosa con una dolce e tenera ragazza che lo amava profondamente, ma gli occhi scuri di Luca che lo guardavano increduli ogni volta che lo riaccompagnava dalla madre lo avevano fatto desistere.
Ora gli rimangono solo i ricordi e alcune canzoni che nei momenti peggiori ascolta con le lacrime agli occhi per scacciare la malinconia e tirarsi un po' su.
Ma questa è storia vecchia Mauro ci convive ormai da dieci anni, l'età di Luca, così tra alti e bassi è arrivato anche Filippo che ormai di anni ne ha quasi due, doveva assestare il suo matrimonio, gravoso compito per quell'esserino biondo e vivace che ora gorgheggia allegramente accanto a lui con la bocca sporca di sabbia.
Ma così non è stato... anzi.
Mauro oramai è rassegnato, vivrà per la serenità dei suoi figli accanto ad una donna che non lo stima e che non prova più nessuno slancio, nei suoi confronti. Non si tratta solo di affetto a Mauro manca tutto quello che si può chiedere ad una storia d'amore ed è il suo cruccio maggiore. Da più di due anni, da quando cioè ha concepito Filippo, Mauro non ha più avuto rapporti sessuali.
Ma era in vacanza e quindi non ci voleva pensare meglio dirottare i suoi tristi pensieri su amenità da ombrellone.

 

l'autore Daniela Di Mattia ha riportato queste note sull'opera

I riferimenti a fatti realmente accaduti o persone effettivamente esistite è puramente casuale.


0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • ylenia 2010 il 19/08/2010 23:52
    bello... vado a leggere la 2 parte!!!
  • rainalda torresini il 14/08/2010 23:37
    Aspetto la seconda parte per commentare...
  • Daniela Di Mattia il 14/08/2010 18:48
    Naturalmente ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale, l'ho annotato nelle note ma lo ripeto qui... non si sa mai!
  • Daniela Di Mattia il 14/08/2010 18:45
    Si è proprio così Mauro dovrebbe svegliarsi. Grazie Antoniono
  • Anonimo il 14/08/2010 09:02
    Un po' triste!
    Ottimo esordio comunque!
    Mauro però dovrebbe svegliarsi!


    A. R. G
  • Daniela Di Mattia il 13/08/2010 22:49
    È la prima volta che scrivo un racconto, spero di essere all'altezza dell'impresa, mi auguro che valga la pena leggerlo
  • Daniela Di Mattia il 13/08/2010 22:48
    È la prima volta che scrivo un racconto, spero di essere all'altezza dell'impresa, mi auguro che valga la pena leggerlo. Ciao a tutti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0