accedi   |   crea nuovo account

Petali di rose

Un fruscio leggero attraversò le rose perpetue e i candidi petali iniziarono a riversarsi
a terra avvizziti uno dopo l'altro, come soffice velluto. Al contatto delle dita quel morbido
tessuto vellutato era più soffice del manto della neve, di quei leggiadri fiocchi che
lentamente si poggiavano sulla terra bruna, rendendola pura e priva del peccato. Ogni petalo
racchiudeva magicamente in sé l'essenza della vita ed io ero lì a osservare quello splendido
spettacolo, a guardare la vita che si sgretolava di fronte i miei occhi imperterriti. Le mie
calde lacrime inumidivano avide il volto di una bimba e la coltre biancastra ne cancellava ogni traccia.
E cadde a terra appassita la rosa, spoglia del suo velluto.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • rainalda torresini il 29/08/2010 18:54
    Credo che questo racconto sia una poesia che nasconde pensieri profondi ma che ognuno può leggere secondo la sua identità. Non credi?
    Ciao, rai

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0