username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sogno di una notte di mezza estate

Sentii il fiato mancarmi e il sangue pulsare nelle vene. Non ero mai stata così. La mia mente era pervasa da tutte queste strane sensazioni. Che ci fa una ragazza ancora sveglia alle 5 del mattino, sorseggiando latte caldo? Assaporavo la bevanda goccia dopo goccia, era miele sulle labbra mentre i dubbi pervadevano la mia mente. Ma per un motivo che ora mi è del tutto estraneo quell'assurda sensazione, provata oggi, aveva risvegliato qualcosa, mi aveva lambiccato il senno come fanno ora le gocce di latte con le mie labbra. "Vieni qua, non andartene!" La sua voce risuonava nelle mie orecchie come un'eco lontano. "Devi abbandonare i miei pensieri"- gridavo con urla laceranti ma da un angolo remoto qualcuno rispondeva: "Io sono te, non posso lasciarti! Noi siamo una cosa sola!" ... "Noi non siamo niente!"- urlai così forte questa volta che i vetri alle mie spalle caddero in frantumi e una scheggia mi ferì un dito. Quel sangue che prima pulsava nelle mie vene ora fuoriusciva a cascata... E non aveva più nessuna utilità come il mio cuore spaccato e privato della luce. "Ma io non ti abbandonerò!" -quella voce remota continuava a perseguitarmi e l'uomo da cui proveniva mi afferrò il braccio con tanta veemenza, intenzionato a non lasciarmi fuggire. Ma a quel punto fu cosi vicino che potei distinguere il suo volto. Era...
"Buongiorno!"- aprì gli occhi quando la luce iniziò a filtrare dalla finestra del mio salotto. La voce che mi aveva svegliato era così calda, amabile aggiungerei. Un lampo animò i miei pensieri, quella voce mi era familiare, era la stessa che stanotte aveva tormentato i miei sogni.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Red Rose il 29/08/2010 12:24
    Grazie! Mi fa piacere sapere che riesco a trasmettere emozioni con i miei testi. Questo è quello a cui ho sempre aspirato. Comunque sul fatto che l'intreccio non sia risolto devo darti pienamente ragione! Questo a dire il vero non era destinato ad essere un racconto breve. È rimasto incompleto però non sono riuscita mai a terminarlo perchè mi suscitava in mente troppi ricordi. Così ho deciso di proporre un finale alternativo e classificarlo come un racconto breve!
  • Giovanni Barletta il 29/08/2010 10:51
    Scrivere racconto molto brevi è un'operazione difficilissima. Devi togliere tutto quello che non è strettamente necessario e, nello stesso tempo, creare le giuste emozioni. Mi è difficile dare un giudizio su questo, perchè le emozioni ci sono (brava!) ma a me sembra che l'intreccio non sia risolto nella maniera giusta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0