username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se il matto parla alla luna

Non gli sembrava vero, aveva tutto quello che poteva desiderare, possedeva soldi, automobili di lusso, faceva una bella vita ed era sempre stato invidiato da tutti, ma ora era diverso, anche se da un certo punto di vista... migliore.
Paolo era un uomo giunto, come si suol dire, "nel mezzo del cammin di nostra vita", quindi era un uomo di mezza età, come detto viveva nell'agio e non aveva nessun problema, anzi uno si ma per lui non era tale: Paolo giudicava le persone ancora prima di conoscerle, a lui bastava vedere l'apparenza per dare un giudizio che difficilmente cambiava, a chi gli faceva notare questo suo comportamento lui rispondeva: "Le apparenze non ingannano". Per lui tutti gli extra-comunitari erano ladri, chi non la pensava come lui stupido e chi si comportava in modo strano, per i suoi standard, era matto, ecco lui si vantava di conoscere più matti di tutti, e diceva che non meritavano rispetto perchè non sono come noi.
Qualcosa, però, stava per cambiare, tutto ebbe inizio un paio di settimane fa, era un normale giorno lavorativo e Paolo si stava recando in ufficio pronto ad un'altra giornata fatta di pratiche e scartoffie da firmare, una volta sul posto di lavoro incontrò una ragazza che era stata appena assunta, da subito questa ragazza lo stregò, aveva qualcosa di strano, di particolare che attirava la sua attenzione, ma lui non poteva distrarsi, non era concepibile, quindi tornò con la testa bassa sul computer. Durante la pausa pranzo la ragazza gli si avvicinò, si chiamava Luisa e disse che aveva un compito da fare, ed aveva scelto lui per portarlo a termine, Paolo subito pensò: "Ecco un'altra fuori di testa", non diede troppa importanza all'episodio e tornò al lavoro. Finita la giornata lavorativa Laura gli si avvicina e, come per magia, lo prese per mano e lo portò alla sua auto, lo fece accomodare e parti, senza che Paolo facesse la benchè minima protesta. Lui non capiva come fosse successo, non era accettabile questo episodio, si fece coraggio e le chiese: "Dove stiamo andando?", nessuna risposta, aspettò un attimo poi riprese: "Guarda che chiamo la polizia, esigo una spiegazione", nemmeno questa minaccia ebbe l'effetto sperato, allora trattenne la rabbia e si rassegnò a questo viaggio misterioso. Il tragitto era talmente lungo che l'uomo si addormentò e fece un sogno:sognò di scendere dalla macchina e di sedersi su di una panchina, era salito in collina e da li si vedeva tutta la città, si girò e non vide nessuna macchina e tanto meno nessuna Luisa, trasse un sospiro si sollievo e si rilassò, e fu allora che la vide:enorme, piena, splendente, la luna, si sorprese di fronte a tanta banale bellezza ma ne rimase incantato, non voleva più andarsene, era troppo bella per non restare li a guardarla... per sempre, ma si svegliò, era seduto su di una panchina sotto casa sua, e di Luisa nessuna traccia. Sali' in casa e litigò con la moglie che lo credeva ubriaco avendolo visto dormire su di una panchina, Paolo quasi non la sentiva, era sconvolto, non riusciva a capacitarsi dell'accaduto, andò a dormire ma non prese sonno ed il giorno dopo andò al lavoro ma con il pensiero fisso di ciò che avrebbe fatto dopo, sul lavoro non incontrò Luisa, chiese di lei e gli dissero che era a casa in malattia, finita la giornata lavorativa sali in macchina e andò sulla collina del sogno, la conosceva bene, si sedette sulla panchina senza nemmeno accorgersi che una suo collega, incuriosito dallo strano comportamento di Paolo sul lavoro, lo aveva seguito e lo stava spiando, aspettò la sera e la luna tornò, bella come nel sogno e Paolo si ritrovò addirittura a parlarle, sfogando i suoi problemi quotidiani, perchè una creatura cosi bella non poteva che risolverli. Dopo alcune ore tornò a casa ed ebbe l'ennesimo litigio con la moglie che pensava ad un esaurimento nervoso dovuto al troppo lavoro, il collega di Paolo le aveva detto tutto, come sempre lui non le diede troppa attenzione ed ogni sera tornava sulla collina per parlare con la luna, l'unica che davvero lo capiva, la moglie lo lasciò ed il capo, su consiglio del collega spione, prima lo mise in ferie e poi lo licenziò usando come scusa quella dei suoi frequenti ritardo mattutini dovuti alle notti passate in bianco.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Jah Gan & buffy_zeus il 24/09/2011 23:02
    mi piace l'idea di un cambiamento così positivo dovuto all'incontro con la natura. Anche se il testo è letto tutto d'un fiato rende nonostante la trama sia più per uno stile cadenzato e lento l'ho trovato veramente illuminante. L'accostamento alla fine con Leopardi mi sembra un po' troppo azzardato, avrei preferito un rimarco sulla condizione della saggezza nella pazzia.
  • Giorgio De Simone il 20/05/2011 01:08
    Bellissimo contenuto, l'idea è stupenda.
    Usa periodi più brevi mettendo il punto quando i personaggi dai quali deriva l'azione cambiano oppure quando cambia lo scenario di dove si svolge l'azione. Se leggi dal tuo scritto da "Dopo alcune ore tornò a casa" fino alla fine del paragrafo, ci sono molti personaggi e tantissime azioni. A momenti puoi ricavarne un mini racconto all'interno del racconto. Non avere fretta di chiudere la storia ma descrivi bene usando tanti aggettivi per ogni azione che fai vivere ai tuoi personaggi. Prova a cercare sul pc i sinonimi ed usali.
    Ti do dei consigli perchè penso che hai delle buone idee e te li meriti. Bravo... scrivi tutti i giorni e vedrai che in poco tempo farai passi da gigante.
  • Sara Turco il 03/01/2011 11:01
    bravissimoooooo complimentiiiiii

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0