username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'oculare a Roma

Mo nun m'aricordo, iniziava già quarche bagordo,
er sole s'era quasi coricato, er tocco delle nove era sonato.
Vecino ar campo santo de San Lorenzo, navamio io,
Ciccio e er poro Renzo.
Lo sò nun è creanza, io sfottevo Ciccio sulla panza,
lo facevo solo pe rintuzella, ma Renzo sfotteva, sarvognuno, la sorella.
Così trà no strillo, quarche carcio e na ramanzina, arivamio insieme a na cantina.
Che ve devo da dì, la se cantava e se rideva, ma ripensanno ar fatto, ammazza Ciccio si beveva.
Dev'esse stata l'una quanno semo sortiti, Renzo era ciucco, io quasi nun c'avevo più li vestiti.
Ciccio mbriaco però, c'aveva no sguardo n'ovo, scusate vostro onore si me commovo.
Era come si er vino, javesse nturcinato le budella,
stava ancora a rimurgina sulla sorella.
Ciccio, pe me è come n'fratello. Vostro onore, nun me chiedete der cortello, per favore.
Puro Renzo, poro fio, era de San Lorenzo, ma sempre amico mio.
Dottò nun me chiedete de fa er boia, nun ve vojo dà noia,
rimetteteme a catena, nun me date st'antra pena.
Nun m'aricordo quello che feci, Renzo ormai è tera pe li ceci. Ciccio nun l'ho visto accortellallo, perche dovrei ariccontallo.
Voi dite ch'era n'duello, appena sentite puzza de n'cortello.
Eravamo m'briachi, questo è stato, e Renzo aniede a finì su n'cortello ch'era cascato.
Vostro onore, nun lo dico pe capriccio, ma ve pare cor dolore, me ce pio n'antro impiccio.
Che fate, me portate ar carcere novo, si Ciccio sta quell'antro no, io nun me movo.
È inutile appuntà, io nun ho visto niente!
Ve lo stò a riccontà, ve dico ch' è innocente.
Ma quale complice, eccellenza, ve pare,
sò n'alice, usateme pazienza.
Er poro Renzo era n'toro, io e Ciccio buttallo a tera?
Ma manco n'coro.
Lo sò ve pare strano, sò l' unico oculare,
com'era in italiano, io nun ho visto " vogliatemi scusare".
Va beh, io vò accontentato, lo sò n'ho visto niente, e vado carcerato.
Lo sò la giustizia, è der padre eterno,
e pe n'amicizia, lui nun me mannerà all'inferno.
Er poro Renzo starà già n'paradiso, m'ariverà n'sogno portannome n'soriso.
Quello che potevo fa ho fatto, pace all'anima sua.
In carcere passeno er vino?! Vostro onore er primo bicchio alla faccia sua.

 

4
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 19/10/2009 09:22
    bello il romanesco
  • Don Pompeo Mongiello il 22/09/2009 10:04
    Simpatica davvero.
  • sara rota il 28/06/2007 08:01
    Bello, bello, bello, anche se io non essendo di Roma tutte le parole non le ho capite, ma il senso completo sì.
  • Antonio Izzo il 14/02/2007 17:54
    Davvero bella. Scrivi benissimo. Sembra la Roma di Rugantino o quella del Belli.
    Davvero complimenti.
    Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0