PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pensieri nella notte

Non so come fare, non ci riesco, aiutatemi perché da sola non è facile, non si può. Non ho più la serenità, ha portato via la mia vita con sé, ricordo i suoi occhi blu come il cielo, quel sorriso meraviglioso che non rivedrò mai più. La leucemia non ha potuto far spegnere la luminosità di quegli occhi, non riesco a dimenticare la serenità con la quale ha affrontato il suo calvario. Non riesco a dimenticare la paura che ho visto nei suoi occhi il giorno prima di essere allontanata dalla sua stanza di ospedale e la perdessi per sempre. Non riesco, non ce la faccio. Strinse la mia mano tra le sue e mi disse: -ricorda che ti ho amato con tutta me stessa.- Ha portato con sé la mia vita, il mio cuore, il mio sorriso.
Io voglio riabbracciarti mia dolce compagna anche solo per un secondo, sacrificherei la mia vita per un solo attimo, cosa devo fare, io devo rivederti, devo dirti che sono distrutta dal dolore, dirti che a 33 anni eri troppo giovane per morire.
Sei nel mio cuore, voglio risentire il calore delle tue mani, della tua bocca, del tuo corpo, la tua voce, il tuo profumo, voglio stare abbracciata a te solo un secondo ma... forse è troppo.
Sono disperata, non so più che fare, mi sento svuotata. Aiutatemi vi prego.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • bruna lanza il 05/06/2012 18:06
    Lei ti ha detto che ti ha amato con tutta se stessa e tu hai da vivere la vita anche per lei, e ogni volta che vedrai una cosa bella rilascia un po' di quel dolore, lentamente ne avrai ragione e lei sarà sempre viva in te.
  • Pino Badalamenti il 10/09/2010 17:07
    Il tuo grido di dolore mi ha commosso. La ragazza che hai Amato e che Ami non è sparita, anche se tu non riesci più a vederla lei c'è. È come una cometa che ha attraversato il tuo cielo, lo ha illuminato e ha proseguito la sua corsa. La cometa passa e poi sparisce al nostro sguardo, ma sappiamo che c'è ancora, anche se non riusciamo a vederla e anche il tuo Amore, proprio come la cometa, ritornerà.
    Un fraterno abbraccio.
  • Noir Santiago il 09/09/2010 12:40
    Nessun commento. Senza fiato.
  • Anonimo il 09/09/2010 12:13
    Non so se sia un racconto autobiografico (mi auguro di no) ma è davvero toccante. Breve ed efficace, trasmette tutto lo sconforto di un distacco tragico. Un abbraccio, ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0