PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A un centimetro dall'incubo

Finalmente il sole, la luce. Le mie pupille nascondono il buco per tornare marroni.
Devo farmi una doccia. Devo mangiare. Devo guardare un film. Devo fare un paio di chiamate. Devo dormire. Almeno cinque ore, non chiedo tanto. Soltanto cinque ore.
Il turno più lungo della mia vita, non finiva mai. Non ricordo nemmeno per quante ore sono rimasto chiuso in laboratorio.
L'ennesima delusione.
L'ennesima "volta buona" che è bruciata dietro algoritmi ed equazioni troppo esatti per essere opinabili. Mio padre me lo diceva di fare letteratura in università. Me l'ha detto anche ieri. Ieri? O l'altro ieri?
Il motore è acceso. Dolce macchina che mi porterà alla mia dolce casa dove c'è il mio dolce letto. Dolce poltrona in pelle che mi accarezza la schiena torturata dalle sedie e dalla brandina.
Cosa ascoltiamo oggi? (sapere che oggi è oggi è l'unica certezza che il cervello mi ha lasciato come mancia). I Travis! Ma sì dai, faccio il NERD, The Invisible Band, traccia numero tre: Side.
Doccia. Cibo. Film. Chiamate. Dormire.
Nient'altro.
Fino al prossimo allarme. Fino al prossimo falso allarme. Chissà con cosa lo riempiono il cercapersone? Col plutonio? Due anni che ce l'ho addosso, due. Due anni che fa bip bip.
Ehi, ma quello è Adalberto!
- Adalberto! Adalberto! Sono qua! Allora? - Io sto tornando a casa adesso dopo un'era, sono a pezzi - Tutto a posto, tutto a posto, nessuna novità, tu? - A che ora è domani la riunione? - Portami gli ultimi due archivi, voglio controllare un paio di cosette - Ah ah - No, non la vedo da un mesetto - Ah ah speriamo di no - Lasciamo stare, va, questa sembrava la famosa "buona volta" e invece... - Ma che ne so - Prendiamo e molliamo tutto, va - Ah ah - Da quando lo hanno trasferito mi devo sobbarcare anche il suo lavoro - Davvero? - Non so niente, ho smesso di avere notizie del mondo già da un pezzo - So solo che prima o poi arriveranno - Mi pagano per sognare ah ah - La prossima vita faccio filosofia, quanto è vero Dio - Ah ah - Ci vediamo domani, scappo che voglio dormire almeno qualche ora - Stanco? In questo momento potrebbe esserci una tigre della Malesia in macchina che non me ne accorgerei - A domani, scappo.
Grande Adalberto, spero che domani si ricordi di portarmi quei due archivi, almeno mi tolgo il pensiero. Le coordinate Alfa dell'ultima proiezione erano un po' fuori dai parametri, devo sapere se è già successo e dove è successo.
Dio che stanchezza. Magari ci fosse una tigre della Malesia, le darei il cambio alla guida. E poi mi farei divorare. Ma solo un pochino, giusto quel tanto per poter tornare in laboratorio domani.
Ma ci devo andare domani o dopodomani? Mi devo ricordare di guardare l'agenda, meglio che me l'appunto. Dove ho messo l'agenda?
Ma che ci fa tutta questa gente in giro? Perchè nella mia macchina c'è solo il silenzio, che diavolo ha lo stereo?

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Guido Ingenito il 13/09/2010 17:37
    grazie mille Roberta
    buona giornata

    Guido
  • Anonimo il 13/09/2010 14:06
    La tua scrittura cattura! Bravo
  • Guido Ingenito il 12/09/2010 21:01
    grazie Nino, quando vuoi aggiornami pure su ciò che mi sono perso
    Medina: me la faccio bastare. complimenti per aver notato una cosa del genere. È bello sapere che qualcuno noti queste piccole-grandi cose.
    buona serata!
    Guido
  • Anonimo il 12/09/2010 20:54
    Almeno é in piedi, sembra stia bene ( quello che conta veramente )
    Chissà le code.../E fanculo a sto coso... (reazione e linguaggio tipico di chi, vivendo qui, é costretto a digerire un quotidiano da sincope
    (temo) alle code hai pensato dopo esserti assicurato che la persona fosse viva, particolare che può sfuggire a chi vive con ritmi più umani
    Guido sono stanchissima, fattela bastare.
  • Anonimo il 12/09/2010 20:51
    Un vulcano in eruzione! Sei sempre più... problematico!
    Bene bene... è tornato il grande Guido... ma quante cose ti sei perso! Ah quante!


    A. R. G
  • Guido Ingenito il 12/09/2010 20:26
    grazie a tutti, di cuore.
    Caro Michele, mi spiace smentirti ma questo racconto non rientra nella piccola saga che ho creato (per proseguire quella ci vuole ancora tempo). Ci sto rimettendo le mani.
    Medina: in che senso "soprattutto per chi è della zona"?
    Nunzio: e da quando non puoi parlare della trama? parlane quanto ne vuoi!

    buona serata a tutti!

    Guido
  • Anonimo il 12/09/2010 20:08
    Ops! per -chi- é della zona
  • Anonimo il 12/09/2010 20:05
    Non parlo della trama: non potrei. Ma la scrittura, il linguaggio, la punteggiatura...
    Bene, bene, Guido, noto con soddisfazione che nulla è cambiato.
    Ciao.
  • Anonimo il 12/09/2010 19:52
    Mi ammazzo giusto un pochino?
    Il linguaggio é godibilissimo, soprattutto per che é della zona (temo)
  • Michele Rotunno il 12/09/2010 19:45
    Noto con piacere che sei ritornato su un tuo vecchio pallino. Francamente, però, devo confessarti che di quella saga mi ricordo solo alcuni stralci, dei flash, Alpha, il fornitore e poco altro.
    Ci hai rimesso le mani?
    Ciao Guido.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0