accedi   |   crea nuovo account

Stralunata è la luna

E così come la fiamma di un fiammifero spenta dal vento che più non acceca i suoi ardenti spiriti.
La mente. Eccola si fonde al caos per poi sparire nel nulla assordante delle tenebre. Muore.
Ci vorrebbe un altro fiammifero, dunque un'altra fiamma e un altro vento per far riaffiorare l'ennesima vita medesima. Il tilt che spegne ogni cellula per recarle riposo.
La piccola bambina persa nel buio della notte senza vita, ma viva viaggia attraverso le sue più stralunate maschere e pensieri fatti in pietra, pensieri di cartone seguiti da fili di lenza spezzati prima che il pesce abboccasse ruote di scorta che mai scorta fu. Tappezzeria cucita e ricucita nella parte destra del petto.
Insomma una bancarella con merce mai messa in vendita. Come quelle che facevamo noi ragazzi del sud da piccolini. Di quelle finte fatte sopra le banchine delle ville comunali dove il compagno tuo di banco passava in bicicletta dalla tua bancarella e ti sfasciava il gioco e a te veniva proprio la rabbia in corpo da prenderlo e sbarellarlo dall'altra parte dell'aiuola. Questo accadeva solo nella mia mente. Di raro nella realtà.
Stralunata, sono io com'è straordinaria la luna per me. Accenderei ogni giorno fiammiferi per lei.
Per non farla mai smettere di luccicare. E vorrei lei accendesse in me tutte quelle candeline che io mai ebbi il coraggio di accendere.
Oggi, un giorno qualunque, la bambina della notte si rattrista perché la sua luna ha deciso per lei. Non sa più qual è il sentimento giusto. <<oh lo sono entrambi>>? <<o entrambi sono sbagliati e quello giusto non esiste!>> o solo un giusto?
Io credo nella tristezza perché credo anche alla felicità. Non c'è un giusto o sbagliato.
Allora la bambina conscia del suo essere o non voler essere cade ma tanto sa di essere rialzata dalla luna.
Si rialza perché consapevole che a farla ricadere sarà nuovamente colpevole la sua luna stralunata.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • SIMONA EROS il 02/11/2011 08:46
    sono simona no giacomo grazie per il commento
  • Anonimo il 31/10/2011 14:24
    bellissimo racconto pieno d speranze... di ricordi lontani... pieno di umanità... il tuo cuore è bello e pulito caro giacomo e devi essere orgogioso di essere come sei un bacione carla
  • Giacomo Scimonelli il 23/01/2011 14:41
    piaciutissimo...
  • Anonimo il 30/10/2010 16:34
    Ho apprezzato questo racconto, quasi arcaico.