username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il colloquio sul Death Note

Ero stato arrestato e mi trovai di fronte Vito Antonio Romano Fortunato!!!! Iniziò a parlare:
<<Io non sono il vero Elle e neanche cosmos lo era... in altre parole, il vero Elle utilizza altre persone per comparire di fronte a Kira!!! Fin da quando hai ucciso le due maestre, non c'erano più dubbi, se la cosa può interessarti, mettemmo delle telecamere nella tua stanza, e ci sono state per molto tempo... sentivamo i tuoi discorsi col nulla, ed Elle arrivò a pensare che parlassi con gli Shinigami per chieder loro consiglio... dopo un paio di anni un latitante entra in banca ruba una bella cifra, e dopo un po' muore di arresto cardiaco... ma senza la refurtiva; inoltre viene visto proprio nei pressi di casa tua, strano vero?>>
<<Non sò di cosa tu stia parlando>>
<<Non ti servirà mentire abbiamo prove sufficienti che attestano che tu sei il vero Kira>>
<<E come farei ad uccidere?>>
<<Utilizzi dei quadernetti chiamati Death Note>>
<<Qualcuno è morto dopo che io avevo scritto il suo nome?>>sapevo che le telecamere avevano ripreso solo il momento in cui io avevo scritto Silvio Berlusconi, ma lui non era morto! Invece Vito continuò:<< La trasmissione era registrata, Berlusconi è morto esattamente quaranta secondi dopo che tu scrivessi il suo nome per arresto cardiaco, quindi...>>
<<Avete trovato dei Death Note a casa mia?>>
<<Effettivamente no>>Lo sapevo, in effetti li avevo nascosti molto bene, il problema ora era come recuperarli, attesi di venire riportato in cella ed iniziai a parlare allo Shinigami del Death Note di Berlusconi si chiamava : Rem; allora gli chiesi:
<<Riesci a percepire la posizione del tuo Death Note?>>
<<Sì, umano, cosa vuoi che faccia?>>
<<Recupera il quaderno e dallo ad un mafioso, scegli tu chi!! Dopodiché digli che se mi libererà io potrei aiutarlo, possedendo altri due quaderni, puoi farlo?>>
<<Si, ma lascia che ti faccia una domanda: Sai che dopo ventiquattro ore dal cambio di proprietario del quaderno Tu non avrai più diritti su esso e nemmeno su di me?>><<Lo sò ma fai come ho detto!!>>Rem partì; in quel momento tutte le mie speranze di scarcerazione erano puntate su un perfetto sconosciuto che magari non avrebbe voluto aiutarmi... ma io dovevo avere fiducia, ed essa fù ricambiata due giorni dopo...

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: