PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

incidente stradale

    Incidente stradale


Michele mentre camminava sulla sua auto, una autobianchi  A 112 quattro porte, dicono di colore blù( dicono, perché Michele distingue i colori, allo stesso modo in cui distinguerebbe, fra loro, due formiche gemelle, se mai si fermasse ad osservarle).
Soprappensiero, con la mente impegnata a far quadrare i cinti del magro stipendio, già completamente consumato, anche se mancavano alcuni giorni a quello successivo, guidava per una strada non ampia, quando all’improvviso il dramma: gli si para davanti alla macchina, e lui non riesce ad evitarla, investendola in pieno.
Michele scosso dall’accaduto, ferma l’auto e scende a verificare il risultato dell’investimento. Purtroppo niente da fare! È stesa lì, senza dare segni di vita. Michele si guarda disperatamente attorno, cercando conforto in uno sguardo compassionevole, che gli facesse pesare meno, la colpa di quanto accaduto, ma non trova nessuno, la strada è deserta, e lui è solo.
Dopo un attimo di riflessione, si muove! Ha deciso! Sarà lui stesso a prendere quel corpo senza vita, ed a portarlo là, dove potrà degnamente essere onorata. Mentre si avvicina al corpo inanimato, un grido! Michele si volta intimorito, e vede un uomo con gli occhi fuori dalle orbite, che urla: che avete fatto! Me l’avete ammazzata! Il nostro amico, tenta di spiegare che lui non ha colpa, che gli si è parata davanti all’improvviso e non ha potuto evitarla, ma invano! L’uomo disperato lo accusa: Lei camminava sulla destra, aveva la precedenza, è stato un atto criminale! E così dicendo, va  amorevolmente a prendere quel corpicino, mentre con gli occhi pieni di pianto, ne tesse gli elogi: Faceva l’uovo tutte le mattine, era la mia migliore gallina! Michele mestamente china il capo, rientra in macchina, mette in moto e si allontana, lasciando lì sulla strada, il risultato della sua disattenzione. Ha un nodo alla gola, mentre pensa: Peccato! Oggi potevo mangiare pollo, ed invece sarà brodo vegetale!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Rocco Burtone il 25/06/2009 15:49
    Prevedibile... di positivo c'è che (spero) sei diventato vegetariano
  • Anonimo il 03/01/2009 17:26
    mihhh. come è sensibile l'animo umano! R.
  • Alberto Zisa il 19/10/2007 09:18
    È divertente! Bravo, hai centrato l'obiettivo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0