accedi   |   crea nuovo account

Incontro Fortunato

Conobbi Francesca in un giorno di pioggia.

Passeggiava sulla riva del mare senza un ombrello che la proteggesse dal violento acquazzone che veniva giù da un cielo plumbeo e pesante di un freddo pomeriggio di marzo.

Era uno di quei tipici giorni in cui ci si lascia vincere dalla voglia di rimanere in casa, seduti sul divano, a sfogliare i vecchi album del passato.

Forse fu proprio per quello che quel pomeriggio uggioso, decisi di indossare l' impermeabile, spalancare l'uscio del mio monolocale, afferrare il primo ombrello che trovai a portata di mano e dirigermi verso la spiaggia dell'Arenella.

Mi è sempre piaciuto passeggiare sulla riva del mare in inverno, respirare il profumo agrodolce della salsedine e nutrimi di quella fitta nebbiolina che si alza nell'aria appannandomi le lenti degli occhiali.

C'era vento, quel giorno, un vento fastidioso che si infiltrava sotto i vestiti.

Gelide raffiche, che come mani invisibili, si aggrappavano ai miei abiti, quasi a denudarmi di essi.

Rabbrividendo mi avvolsi più stretto nel mio impermeabile nero e continuai a camminare, cercando sollievo alla pesantezza che avvertivo nella testa.

Era come avere il cervello pieno di ciottoli.

Tante pietre che si muovevano avanti ed indietro nel labirinto dei miei pensieri senza trovare una loro stabilità. Una massa informe di elucubrazioni e preoccupazioni aggrovigliati l'uno con l'altro.

Avrei voluto mettermi a testa in giù ed scuotermi, finché, quei ciottoli, ad uno ad uno non avessero abbandonato la mia testa, lasciandola, finalmente, vuota e leggera.

Dopo otto anni di un difficile e travagliato rapporto matrimoniale, da circa due mesi, avevo ottenuto il divorzio da mia moglie Serena, ma oltre a separarmi da lei ero stato costretto a subire un doloroso distacco anche da mio figlio Matteo.

Il tribunale, considerando il mio stato di disoccupazione, aveva preferito affidarlo a mia moglie che possedeva maggiori disponibilità economiche per garantirgli una crescita serena ed agiata.

Serena era partita per Parigi appena una settimana prima, portandosi via mio figlio, lasciando un profondo vuoto sia nella mia vita che nel mio cuore.

1234567

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Francesco Garofalo il 12/10/2010 22:19
    Grazie Roberta
  • Anonimo il 12/10/2010 14:35
    Che bel racconto a lieto fine!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0