PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un posto per star bene

L'ultimo ricordo che ha di suo padre è di lei bambina accovacciata davanti al gabinetto, che chissà quale schifezza aveva mangiato e stava lì a vomitare l'anima, e c'era il papà che le teneva una mano sulla fronte e la tranquillizzava. Non si ricorda le parole, ma rammenta il suo tono di voce, pacato e caldo, e lei immagina che le dicesse di non preoccuparsi, che sarebbe andato tutto bene, e magari di non dirlo alla mamma che sennò si sarebbe agitata per nulla che lo sai com'è fatta. Lei stava con gli occhi chiusi, e il tepore della mano sulla fronte la faceva star bene dentro, anche se tutto il fuori le faceva male.
Quindici anni dopo Paola scende dall'auto barcollando.
Si aggrappa allo sportello aperto con entrambe le mani, gli occhi mezzi chiusi e la bocca spalancata a far entrare più ossigeno possibile.
Come se questo bastasse.
È quasi l'alba e l'aria è fresca e frizzante quel tanto che serve a schiaffeggiarle le guance arrossate, si infila sotto il niente di cui è vestita e le solletica la pelle. E pare che le cose debbano andare meglio.
Ma la sensazione non dura che pochi attimi.
Qualcuno parla alle sue spalle, e lei sa di conoscere la voce, ma non riesce a darle un nome né tantomeno un volto. Non prova neppure a voltarsi ma stacca le mani dallo sportello che la sorreggeva e muove un paio di passetti lungo il marciapiede. Le viene da ridere perché improvvisamente pensa alle ballerine classiche in equilibrio sulle punte, e immagina come potrebbe essere divertente vedere uno spettacolo di danza con i ballerini ubriachi quanto lei.
Percorre due metri beccheggiando pericolosamente da un lato e dall'altro, fino a che il terzo metro le è fatale. Crolla sulle ginocchia sul pavé del marciapiede e vomita.
Il suo corpo viene scosso da sussulti ad ogni conato, e neppure si accorge che qualcuno è arrivato di corsa a sorreggerla per le braccia, per evitare che si accasciasse totalmente al suolo.
Dopo qualcosa come due milioni di anni - tanto sembra a Paola - i conati si affievoliscono e poi cessano del tutto, e lei resta in ginocchio per terra con le braccia aperte fra le braccia di chi non capisce chi, mezza vestita e mezza no e imbrattata del suo vomito.
Il misterioso soccorritore la solleva da terra senza alcuno sforzo apparente e se la carica in braccio.
«Attento che ti sporco», riesce a biascicare, ma le pare che le parole vengano da un altro luogo, distante dal corpo.
Nessuna risposta dall'altra parte.
«Da grande voglio fare la ballerina», dice lei.
Ancora silenzio.
Paola non apre gli occhi, ma sente che la sta trasportando, sente che dolcemente la adagia sdraiata, sente che le solleva la testa e le poggia qualcosa sotto la nuca, che in qualche maniera la copre.
E poi c'è una specie di buio che forse è una sorta di sogno, in cui immagini confuse si mescolano in un insieme inestricabile con frammenti di luce e di realtà.

12

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Michele Rotunno il 05/11/2010 19:49
    Complimenti, mi hai fatto ricordare la mia ultima sbornia, veramente di milioni di anni fa, sulla quale avevo steso un velo pietoso.
    Bravo.
  • valeria ste il 05/11/2010 19:38
    Quanta malinconica tenerezza nella quasi alba e sul ciglio di quella strada. Bello!
  • Anonimo il 05/11/2010 18:43
    sono sconvolto! sarà questo momento di emotività strano di oggi, ma questo racconto mi lascia confuso e... e estasiato! capita raramente di leggere qualcosa di così visivo!... comunque grazie per aver commentato il mio "quasi caustico" racconto!
  • Giacomo Scimonelli il 05/11/2010 15:57
    complimenti... davvero bel racconto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0