PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

U mestèe

Vèei, èu assettòu cou Tìlio in quell'Ostàia veggìn a càa mèe, da derèe i Magelli de Suziglia. Ghe cùntàvu de quande, sùenu, sùn vegnùu a Zena pe sercàa lòu.
L'èivu truvòu in te n'offìsìnna de riparasuìn navali drèntu u Portu.
De giùrnu me faavu u massu e, cùn quattru òeggi pè nùn faame màa, sciccùme a sèia annàvu a scòea in San Lurènsu. Scòea privvàa pe fa ciù fìitu a piggiàsse in tòccu de pappèe, in dipluma pè puèi louàa da derèe na scrivania, sensa imbrattàsse d'òeiu e de grassu grafitòu o, pèsu, essèe sciaccòu sùtta na bènna.
Ma, deddourmì mancu pobbelìn.
E lessuìn finivàn squesi all'unna, quande sciurtìvimu, èemu na brancàa de suenòtti.
Tutt'è sèie l'èa là, na figgèua bella cùme ou sòu, cavelli rùsci cùme fìi de rame allugentèe.
L'avèiva in oudùu che faava giàa a testa, oh scì che ne dava recàttu ma, i dinèe me servivàn pe studiàa e pe mandàa quarche palànca a me Muè, vèduva da duì mèigi, meschìnna. Maria se ciàmma, cùme a muè dou Segnù.
Na sèia a proff. de computisteria appena intràa:
-Signori, stasera ho deciso di farvi fare una verifica scritta sugli ultimi argomenti trattati, acchè possa capire se qualcuno di voi ha qualche sofferenza cognitiva-
Pòorca de quella misèia ladra, nun'èivu màncu avèrtu a dispènsa figuremmuse u libru.
Dopu duè ùue, quella bagascia:
-shapiro Lei, come procedimento ha fatto abbastanza bene ma, i calcoli lasciano a desiderare. Il quattro che ho dovuto assegnarLe è motivato dal fatto che, il suo, come del resto altri compiti, presentava vizi analoghi quindi ho assegnato la stessa votazione-
Da cacciàa drèntu na stìva pìnna de brènno. Brùutta faccia de mandillàa pìnna de pèei cume na muss... arola dù massacàn.
Dopu quela cannunàa, nùn ga faavu ciù, m'èu issòu e
--Proff. credo di avere qualche linea di febbre, pertanto dovrebbe usarmi la cortesia di permettermi di anticipare l'uscita alle ore ventritrè—
Se sèmu amièe e l'èiva capìa che l'èa stèeta na bagascia cùn mì
-Va bene shapiro, le compilo il permesso da presentare in portineria quando uscirà-
A purtinàia, na bella donna cou màiu ben ben ciù vèggiu che Lè
-Ciao shapiro, domani sera ti aspetto per prendere il caffè?-
--Sì Amalia, con piacere. Buona notte—
E'ivu taggiò cùurtu
Fèoa ciùvìva, misèia ladra. Me sèntu ciamàa
-Ciao, stasera mi dici almeno come ti chiami?-

12

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 05/11/2010 00:14
    wowww... son riuscita a leggerlo, ripercorrendolo ben 3 volte, È FANTASTICO!
    è un racconto PIENO!
    La prima volta è un po pesantino... x il dialetto, la seconda ho raccolto le scene... la terza ho capito il finale...
    bravissimo... ne scriverai ancora?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0