username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'asino e il cavallo

C'era una volta un asino, tanto vecchio quanto distratto,
che viveva in un bosco con il suo branco e con esso si
recava, tutti i giorni, a brucar l'erba, nel prato più vicino.

Un dì, l'asinello, era intento a gustare la sua erba preferita, con la voracità di un leone e non si accorse che i suoi compagni si erano allontanati. Così, egli s'incamminò e inoltrandosi in una prateria, incontrò un cavallo selvaggio che, scorazzava festoso, come fosse un cerbiatto, in cerca di un po' di libertà.

L'asino, si avvicinò a lui e gli chiese:
"Ciao amico cavallo, hai visto passare un gruppo di asini?"
e il cavallo, riflettendo un tantino, con aria un po' sorniona, rispose:
"No, asinello, non ho visto passar nessuno".

In quel momento l'asino s'intristì e s'incupì così tanto che il cavallo si dispiacque per lui; e si offrì di aiutare il ciuchino, nella sua ricerca.

A quel punto, i due, proseguirono il viaggio, camminando ininterrottamente per quattro giorni e quattro notti. Allo spuntar del quinto giorno, finalmente, ritrovarono la mandria e l'asinello, ringraziò il cavallo e si riunì ai suoi compagni.

Sul punto di partire, però, esso, volle chiedere al suo amico d'avventura, di entrare a far parte del gruppo e il cavallo rispose di sì. In tal modo, avrebbe avuto una famiglia tutta per sé.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Lele M. il 13/11/2010 17:23
    La punteggiatura! Stiamo attenti alla punteggiatura!

    Ci proponi una favola e motivo d'esistere di una favola è la morale. La morale che ci propini, tuttavia, è debole, sia intrinsecamente sia relativamente al contorno narrativo che le hai costruito. Da un lato, c'è un po' di confusione tra libertà e solitudine, famiglia e amicizia, io e gruppo; dall'altro, la dicotomia cavallo/asino è tratteggiata in maniera confusa, appena abbozzata. Il finale non chiarisce niente, semplicemente accade, così che se non fosse per il commento "In tal modo, avrebbe avuto una famiglia tutta per sé", forse non arriveremmo nemmeno a capire che si tratta di una favola.
    Prova a raffinare le immagini con cui pensi di voler esprimere questo insegnamento per te così importante.
  • Nicoletta Piepoli il 12/11/2010 22:14
    Grazie del commento!!
  • sara zucchetti il 12/11/2010 20:28
    bella favoletta che insegna ai bimbi a fare amicizia e ad aiutarsi.
    Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0